Bruxelles cosa vedere in un weekend

CondividiShare on Facebook6Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Pin on Pinterest1Email this to someone

Se stai cercando una fuga dalla routine quotidiana, magari in una delle bellissime capitali europee, ti consigliamo un weekend tra Bruxelles e Bruges.

La capitale belga è una città affascinante, ma allo stesso tempo piccola e facilmente visitabile in un paio di giorni. Ti darà anche la possibilità di farti un giro a Bruges, vera e propria perla medievale, allora seguimi in questo viaggio!

brussels-notte

Dai maggiori aeroporti italiani si possono trovare voli diretti per Bruxelles a prezzi assolutamente vantaggiosi. Si parte, infatti, da €50 per un biglietto andata-e-ritorno con una compagnia lowcost come EasyJet o Ryanair.

Parti venerdì mattina presto, in modo da avere tutta la giornata a disposizione per goderti la capitale belga. Per lo stesso motivo riparti per l’Italia domenica sera. Sarai pronto per tornare a lavoro lunedì mattina; magari un po’ stanco, ma assolutamente soddisfatto per il weekend appena trascorso.

Bruxelles, considerata la capitale dell’Unione Europea essendo sede del Parlamento Europeo e della Commissione Europea, è una città piena di storia, dagli edifici sfarzosi e dall’atmosfera cosmopolita. Allo stesso tempo è una città a misura d’uomo, confortevole e assolutamente piacevole da visitare, senza il caos e la frenesia di altre capitali europee come Londra, Berlino, Parigi o Roma.

Il primo luogo da visitare per far partire il tour è ovviamente la Grand Place, ovvero la piazza principale, patrimonio UNESCO e una tra le più belle piazze al mondo.

city-brussels

Un luogo, elegante e sontuoso, è racchiuso tra edifici in stile gotico fiammeggiante e barocco, con rifiniture e abbellimenti in oro. Potrete ammirare l’Hotel de Ville (il municipio costruito tra il 1402 e il 1455, vero e proprio capolavoro in stile gotico brabantino), la Maison du Roi, e le magnifiche Case delle Corporazioni.

Qui troverai anche l’ufficio turistico dal quale partono le visite guidate gratuite del centro due volte al giorno (alle 11 e alle 14). Queste visite, in inglese, francese e spagnolo sono un bel modo per girare la città scoprendo i suoi segreti e le sue meraviglie.

Dopo una visita e qualche foto nella Grand Place, dirigiti verso il Manneken Pis, letteralmente “il ragazzetto che fa pipì” in dialetto fiammingo. Questa statuetta di bronzo, alta circa 50 centimetri, rappresenta un bambino che sta urinando ed è il vero simbolo di Bruxelles, oltre ad essere il soggetto più fotografato di tutta la capitale belga.

Le origini della statua non sono certe e molte sono le leggende che si raccontano. Fra queste c’è quella di un bambino che salvò la città facendo pipì sulla miccia di una bomba e spegnendola. Un’altra narra che un bambino fu sorpreso nel XII secolo a urinare su un albero durante le fasi finali di una battaglia diventando, così, il simbolo del coraggio e del valore dei soldati belgi. Insomma, ognuno ha la sua versione della storia, ne sentirai molte nei pub e nei bar di Bruxelles.

brussels

Altri luoghi assolutamente da visitare sono il Palazzo Reale, e l’adiacente Parc de Bruxelles, la Chiesa di Notre Dame du Sablon, e la Catedrale di San Michele, il Parlamento Europeo, il Museo Magritte e il Museo Reale delle Belle Arti se sei amante di dipinti e sculture, il quartiere di Sablon e i suoi mercatini dell’antiquariato, ed infine l’Atomium un enorme edificio a forma di atomo, costruito per la fiera mondiale del 1958.

belgium

Bruxelles, inoltre, è la patria di alcuni tra i fumettisti più famosi al mondo. Dalle loro matite sono nati i Puffi, Asterix e Obelix, Tintin, Lucky Luck, e molti altri ancora.

La città ha, quindi, un legame molto stretto con il mondo dei fumetti e onora questi personaggi con murales e dipinti sparsi per le sue vie.

Se i fumetti sono la tua passione fatti un giro in cerca di queste vere e proprie opere d’arte e non dimenticarti di visitare il Centro Belga del Fumetto.

Sabato sveglia presto e prendi un treno per Bruges. I treni partono ogni 20 minuti circa dalla stazione centrale di Bruxelles e dovrai cambiare a Gent-Sint-Pieters. In meno di un’ora sarai a Bruges.

bruges

La bellezza di questa piccola cittadina medievale è famosa in tutto il mondo e nel 2000 il centro storico è stato riconosciuto patrimonio dell’umanità dall’UNESCO.

Bruges è famosa per i suoi canali, i suoi edifici storici e le sue cattedrali. La città nel corso della storia è stata risparmiata da guerre e incendi permettendogli di mantenere intatta la sua architettura e struttura medievale.

In una giornata riuscirai a visitare a piedi tutto il centro.

Parti dal Markt (la magnifica piazza principale) sulla quale si affaccia il Belfort, una torre civica del XIII secolo che ospita un carillon formato da 47 campane. Un’altra piazza da visitare è il Burg racchiusa tra il Municipio e la Basilica del Sacro Cuore. Dopodiché dirigiti verso la Chiesa di Nostra Signora, stupenda testimonianza gotica e al cui interno si trova la statua Madonna col Bambino di Michelangelo Buonarroti.

Visita anche la Cattedrale di San Salvatore, l’antico Ospedale di San Giovanni, le Porte Cittadine e la Chiesa di Nostra Signora della Ceramica.

Una menzione speciale va al Begijnhof, vera oasi di pace in pieno centro storico. Questo complesso è stato fondato nel 1245 da Margherita di Costantinopoli, contessa di Fiandra, e al suo interno si trovano una chiesa e un cortile sul quale si affacciano 30 case di color bianco che in passato ospitavano le beghine, ovvero membri di associazioni religiose fuori dalla struttura gerarchica della Chiesa cattolica.

Una buona idea per vedere il centro storico da un altro punto di vista è fare un giro in barca dei canali. Un’esperienza unica ed indimenticabile.

bruges-canali

Utilizza domenica per visitare le attrazioni di Bruxelles che vi mancano.

Il Belgio è la patria della birra e del cioccolato. Non dimenticare, quindi, di bere qualche birra trappista, prodotte dai monaci nelle loro abbazie. Molti pub offrono degustazioni a prezzi ragionevoli. Probabilmente finirai la serata un po’ brillo, ma birre del genere non si bevono ovunque!

Se vuoi saperne di più a Bruges è possibile visitare il Museo della Birra.

Assaggia anche il famoso cioccolato belga e i fragranti e squisiti waffel: al naturale o riempiti di panna, nutella, frutta, noccioline, caramelle, scaglie di cioccolato, e qualsiasi altra prelibatezza vi venga in mente.

Infine, non lasciare il Belgio senza avere mangiato il suo piatto tipico: cozze servite con patatine fritte!!

CondividiShare on Facebook6Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Pin on Pinterest1Email this to someone

Davide Prevosto

Web Developer presso Encodia e consulente presso Seochef, adoro viaggiare in compagnia di Nemo, il mio amico labrador. Nel tempo libero mi diverto a fingere di essere un runner, e semplicemente... corro! "Le persone non fanno i viaggi. Sono i viaggi, che fanno le persone".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *