Chiesa di Sant’Anna a Capri: un viaggio nel Medioevo

CondividiShare on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Pin on Pinterest0Email this to someone

Capri è speciale e sai perché? In questa piccola perla del Mediterraneo puoi viaggiare nel tempo. Sì l’isola racchiude diverse epoche storiche. In un attimo ti trovi nell’Antica Roma, visitando Villa Jovis e l’istante dopo ti tuffi nel Medioevo, seguendo il dedalo di vicoli che si snoda alle spalle della Piazzetta.

Dal quartiere di Santa Teresa al borgo di Sant’Anna è un viaggio nell’età di mezzo, tra archi rianimati da botteghe, misteriosi sottopassi, salite, discese, gradinate, palazzi e minute casette addossate. Abitazioni caratteristiche dalla facciata candida che, con le loro architetture, spezzano squarci di cielo azzurro.

Nel borgo medioevale, nel cuore del centro abitato – percorrendo via delle Botteghe e girando a sinistra per via Madonna delle Grazie – sboccia la chiesa di Sant’Anna, prima parrocchia di Capri fino al 1595.

Questo edificio è custode della cultura millenaria del posto e continua a sorprendere, mostrando parti sé celate da secoli: nel 2011, infatti, è stato riportato alla luce uno splendido affresco appartenente all’epoca tardo giottesca. Come vedi, la bellezza è sotto i nostri occhi bisogna saperla riconoscere e scoprire. Adesso che ne dici di vistare la chiesa di Sant’Anna a Capri? Vieni con me.

La chiesa di Sant’Anna a Capri

La chiesa di Sant’Anna a Capri risale al XII secolo e all’inizio era dedicata a San Pietro e Paolo a Calcara, Sant’Andrea a Portula e Santa Maria delle Grazie. Alla fine il luogo di culto prende il nome con cui è conosciuto grazie a un dipinto che raffigura la santa, protettrice delle partorienti. E per l’abitudine di celebrare, in questo luogo, un grande numero di battesimi.

Chiesa di Sant'Anna a Capri facciata
PH Davide Esposito

Il sagrato è preceduto da pochi gradini ed è circondato da abitazioni e tre colonne che una volta erano coperte da un pergolato. La facciata immacolata è stata ristrutturata nel XVII secolo a causa del crollo del pronao. Mentre le absidi extradossate pare siano bizantine. A completare il quadro trovi il campanile a vela.

Quando incontrerai la chiesa di Sant’Anna in una delle tue  passeggiate di Capri sarà come ricevere una dono inaspettato. Il motivo? La sua capacità di mescolarsi con grazia alle altre case e svelarsi piano piano all’occhio attento di chi osserva. Ti lascio alle parole dell’architetto Roberto Pane a proposito delle colonne rustiche:

Far precedere a una chiesa un elemento tipico della casa campestre, rinnova quel senso di intimità che ispirano le migliori costruzioni religiose dell’isola nel loro apparire simili alle case.

Cosa vedere nella chiesa

L’interno della chiesetta è diviso in tre navate coperte volta. Le volte scaricano su tre archi rialzati e sorretti da capitelli corinzi poggiati su frammenti di fusti. Nella navata di destra puoi ammirare un affresco che riproduce il Cristo benedicente e, sotto, la Vergine con il Bambino fra San Pietro e un vescovo. Probabilmente San Iacopo. Il dipinto, secondo Lipinsky, apparterebbe alla scuola pittorica napoletana della fine del Trecento.

Nella seconda arcata a sinistra è conservato un altro affresco del XIV secolo che mostra San Tommaso d’Aquino con in mano il libro ed il sole raggiante sul petto. Nel Settecento la cappella venne restaurata e la zona dell’altare fu abbellita da un pavimento in maioliche. Una chicca: secondo alcune ipotesi, sotto la piazzetta antistante la chiesa ci sarebbero delle cisterne romane.

La scoperta dell’affresco nel 2011

La chiesa di Sant’Anna a Capri ha donato al suo popolo una scoperta straordinaria: un tesoro della storia celato dal tempo e dalle azioni inconsapevoli dell’uomo. Durante i lavori di ristrutturazione e dietro una parete divisoria dell’edifico è stato rinvenuto un affresco databile all’epoca tardo giottesca.

L’opera illustra la crocifissione di Gesù. Ai due lati si notano la Vergine, San Giovanni e alcuni angeli. In basso a sinistra c’è la probabile effige del donatore. Per gli orari e giorni di apertura della chiesetta, dai un’occhiata al sito dell’Azienda di Soggiorno e Turismo di Capri.

Vuoi vistare la chiesa di Sant’Anna?

Vistare la chiesa di Sant’Anna a Capri è un esperienza mistica, sorprendente e intima. La sensazione è quella di trovarsi in un’antica casa caprese dove si respira il Sacro. Ora tocca a te. Tu hai mai visto questo edificio religioso? Lascia la tua esperienza nei commenti.

CondividiShare on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Pin on Pinterest0Email this to someone

Marilena D'Ambro

Giornalista, blogger e webwriter. Scrivo per diversi blog tra cui: SEOchef, HostingVirtuale e LogicalDOC – Gestione documentale facile. Non inizio la mia giornata senza un buon caffè e una passeggiata immersa nella natura in compagnia del mare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *