Un giro in barca nella Grotta Bianca a Capri

A Capri non c’è solo la Grotta Azzurra. Le sue coste sono coltellate da circa 70 cavità sia marine che terrestri. Ognuna ha la sua storia, i suoi miti e leggende. I marinai capresi le conoscono bene, forse meglio delle loro case.

E ogni estate danno voce ad antichi aneddoti che altrimenti resterebbero custoditi tra quelle pareti rocciose e portati via dal moto ondoso del mare. Ogni volta che varcherai la soglia di una delle Grotte di Capri sarà come entrare in un micro mondo fatto di colori sgargianti, contrasti e giochi di luce difficili da dimenticare.

Ed ecco che la forza della natura, una natura semplice fatta di rocce e mare, trova la strada per conquistare il tuo cuore. Prova a scoprire la Grotta di Matermania e la Grotta Verde. La bellezza di questi luoghi rimarrà impressa non solo nello sguardo ma anche nell’anima. E allora ecco un altro tesoro da scoprire: la Grotta Bianca a Capri.

La storia della Grotta Bianca

Per visitare la Grotta Bianca devi prenotare il giro dell’isola di Capri. Infatti, questo capolavoro della natura è accessibile solo via mare. Questa insenatura si trova dopo punta della Chiavica sul lato est. Nasce dalla distruzione di un sistema carsico che si è modificato nel corso del tempo a causa delle frane e dell’azione erosiva delle onde.

Perché si chiama Grotta Bianca? Per il colore delle sue rocce: un bianco candido straordinario. Questa cromia ha reso la caverna un punto d’attrazione irrinunciabile durante una gita in barca a Capri alla scoperta delle sue coste.

Leggi anchela lucertola azzurra di Capri, l’abitante straordinario dell’isola

Cosa vedere nella Grotta Bianca a Capri

La Grotta Bianca si estende per 30 metri. Al suo interno le acque formano due laghetti comunicanti attraverso un canale artificiale inciso nella roccia. In epoca romana pare fosse usato come ricovero per le barche.

Se osservi con attenzione noterai che le candide pareti mostrano alcuni segni del passaggio dell’uomo. Sono tracce di un passato lontano: nel Seicento la popolazione si rifugiava in questa caverna per nascondersi dagli attacchi dei pirati.

L’aspetto più incantevole della Grotta Bianca a Capri? Il meraviglioso contrasto che si crea tra le cromie immacolate delle rocce e il fondale verde/azzurro e limpido. Il momento migliore per visitarla? Con una bella giornata di sole e il mare calmo.

La Grotta Bianca a Capri: l’hai vista?

La Grotta Bianca a Capri incarna la purezza dell’isola: con la sua raffinata semplicità a tratti misteriosa che continua ad affascinare. Ancora una sorpresa prima di salutarci. Quando varcherai l’entrata alza lo sguardo verso il cielo: vedrai una seconda caverna proprio sopra alla Grotta Bianca. Si tratta della Grotta Meravigliosa, ma questa è un’altra storia. Ora lascio spazio alla tua esperienza. Hai visitato anche tu questa caverna marina? Quali sono state le tue impressioni? Ti aspetto nei commenti.

Marilena D'Ambro

Giornalista, blogger e webwriter. Scrivo per diversi blog tra cui: SEOchef, HostingVirtuale e LogicalDOC – Gestione documentale facile. Non inizio la mia giornata senza un buon caffè e una passeggiata immersa nella natura in compagnia del mare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *