La gettonata Mykonos

CondividiShare on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Pin on Pinterest1Email this to someone

Mykonos è la più bella delle isole Cicladi ed è il luogo di villeggiatura greco più cosmopolita del Mediterraneo. Fin dai tempi antichi infatti è stata crocevia di culture, personaggi e incontri che ancora oggi caratterizzano l’atmosfera di Chora, il nome con il quale i circa 10 mila abitanti chiamano chiamano la loro isola.
Mykonos ha un’innata ispirazione turistica per le bellezza delle coste e dei paesaggi non solo di mare, per il suo essere sospesa tra antico e moderno, essendo provvista dei più rinomati servizi ricettivi che soddisfano qualsiasi esigenza del turista in una cornice che si richiama al passato.


Chi visiterà Mykonos troverà quindi il divertimento puro, con locali alla moda sparsi per le sue vie strette e caratteristiche e sulle spiagge, ma anche storia, cultura, enogastronomia, sport, natura, in particolare per quanto riguarda la zona di Panormos, dove si trovano gruppi di foche stanziali.
A Mykonos arriverete alternativamente in aereo presso lo scalo locale o con i traghetti.
I mesi migliori per visitarla sono certamente quelli primaverili e invernali e potrebbe essere una meta ideale anche in inverno, dato il clima estremamente mite e la bellezza dei suoi luoghi a livello architettonico.
Da subito vi accorgerete di quanto possano essere spettacolari le spiagge di Mykonos.

Qui maggiori informazioni relative ai traghetti: http://www.traghetti-click.it/

mykonos-beach
Tra quelle che vi consigliamo di visitare c’è Ornos, una tra le spiagge più ambite per la sua posizione, dotata di tutti i comfort (ombrelloni, sdraio, bar, ristoranti, ecc) e con la possibilità di svolgere diversi sport acquatici.
Le spiagge di Mykonos sono in genere tutte attrezzate per l’accoglienza dei turisti e questa è una tra quelle adatte anche alle famiglie per i fondali bassi.
Platys Gialos è ideale perché è molto vicina agli hotel ed è quindi a portata di mano per chi non ama spostarsi.
La spiaggia è larga e sabbiosa, contornata da alture con macchia mediterranea e con acqua tendente al verde smeraldo. Da qui potete noleggiare dei kayak per osservare la bellissima costa dal mare o scegliere di fare una mini crociera in battello.
Se invece amate fare immersioni allora recatevi alla spiaggia di Agios Ioannis, molto tranquilla, riservata e con i classici ombrelloni impagliati che caratterizzano un lido stretto e dalla sabbia bianca e finissima.
La spiaggia più famosa dell’isola però è quella di Kalamopodi chiamata non a caso “Paradise”, dove le feste vanno avanti per tutta la notte, la musica popola il lido. Si possono noleggiare lettini e ombrelloni che fanno parte dello stabilimento fornitissimo di servizi, tra cui anche bar, ristoranti, discoteche, possibilità di fare sport in spiaggia come vela, surf, sci d’acqua, snorkeling e molto altro.
La spiaggia dove invece potreste incontrare dei VIP che alloggiano nei vicini hotel di lusso è quella di Psarou, molto amata anche dagli stessi abitanti.
Il modo migliore per muoversi sull’isola è il noleggio di un’auto, di uno scooter o anche della bici.
Un’idea per spostarsi anche sulle isole vicine, come Delos e Tragonisi, è anche quella di noleggiare una moto d’acqua.
Per muovervi su Mykonos potete anche scegliere di usare i mezzi pubblici (sono diversi gli autobus che collegano le varie zone dell’isola e che partono e arrivano da 3 capolinea).
Ci sono anche i taxi che tuttavia sono difficili da trovare liberi, visto il loro numero esiguo (circa 30 su tutta l’isola).
Come detto l’isola oltre al mare e al sole ha anche la sua storia da offrire e i divertimenti.
Tra i luoghi da visitare consigliamo uno tra i più caratteristici come la Piccola Venezia nella zona di Alefkandra, arroccata su un costone basso di roccia con case variopinte a ridosso dell’acqua del mare.
Qui potrete gustare un drink nei diversi bar che si affacciano su questa vista deliziosa, che un tempo pare fosse usata dalle donne del luogo per lavare la biancheria (il nome in greco ha proprio questo significato).
Mykonos è anche l’isola dei mulini a vento in particolare quelli di Kato Myli, posizionati sul promontorio dal quale un tempo probabilmente si osservava un gran via vai di commercianti del vicino porto. Ne sono rimasti soltanto 5 esemplari in buone condizioni, alcuni dei quali oggi sono stati trasformati in strutture ricettive.
La Panagia Paraportiani la chiesa simbolo dell’isola è anche il monumento più fotografato che si trova nel quartiere del Kastro. Risale alla fine del ‘400 ed è in realtà l’unione di 5 edifici religiosi dedicati alla Vergine. Quello che la contraddistingue è il suo colore bianco-calce che richiama lo stile architettonico di tutta l’isola.
Proprio questo stile è quello che troverete tra i vicoli di Mykonos popolati di piccoli negozi, botteghe artigiane, boungaville, finestre dipinte di azzurro e strade pavimentate in pietra.
La sera invece si scatena la movida più elettrizzante di tutto l’arcipelago tra discoteche, bar sulla spiaggia e divertimento per tutti i gusti che va avanti fino al mattino.
Tra le discoteche più famose dell’isola c’è quella di Paradise Beach (Super Paradise) che con i suoi 1000 m quadrati di spiaggia e i DJ più famosi fa ballare tutti a partire dalle 5 del pomeriggio. Cavo Paradiso invece può accogliere centinaia di vacanzieri sulla sua pista da ballo da più di 3 mila m quadrati e l’atmosfera magica.
Se invece volete ballare in una discoteca al chiuso vi consigliamo lo SpaceDance dove lo spettacolo ha inizio a partire dalle 23.
Per chi invece vuole trascorrere una serata più tranquilla ci sono alcuni bar dell’isola di lunga tradizione come il Montparnasse a Little Venice dove si fa anche live music, il Pierros dove ci sono spettacoli con le Drug Queen e che ricorda come Mykonos sia anche un luogo di vacanza gay friendly per eccellenza.
L’isola insomma offre a tutti un motivo per visitarla e anche per tornarci, quindi non rimane che decidere quando partire alla volta di uno dei luoghi di vacanza più belli del Mediterraneo.

CondividiShare on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Pin on Pinterest1Email this to someone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *