Londra cosa vedere attraverso percorsi alternativi

Londra è una tra le città più visitate al mondo. Cosmopolita ed eccentrica, attira moltissimi turisti che, in ogni periodo dell’anno, affollano le sue strade. Un modo semplice ed economico per sfuggire alla confusione è scoprire la capitale britannica attraverso percorsi alternativi da fare a piedi lungo il Tamigi.

westminster

Sono numerosi infatti i “Thames Path” che consentono di ammirare le meraviglie della città dall’insolita prospettiva offerta dalle sponde del fiume. Partendo ad esempio dall’East End è possibile raggiungere in poco più di un’ora il centro, passeggiando tranquillamente lontano dal traffico. Canary Wharf è oggi un’importante zona di uffici e grattacieli, sviluppata a partire dagli anni ‘80 nella vecchia zona portuale.

Superate Limehouse e Wapping, caratterizzate da bellissimi edifici moderni con splendidi appartamenti affacciati sul fiume, seguendo le indicazioni si giunge al Tower Bridge, il celeberrimo ponte mobile. A pochi passi si trova la Tower of London, storico castello ricco di storia risalente al 1066.

tower-bridge

Proseguendo ancora si passa sotto al London Bridge, ponte che collega la City of London al borgo di Southwark. La costruzione originale, chiamata ora Old London Bridge, era una tra le più famose del mondo e dell’Inghilterra.

Continuando la passeggiata, sempre seguendo le indicazioni, si arriva al Millennium Bridge, ponte pedonale sospeso costruito in acciaio, che collega la zona di Bankside con la City. Da qui è possibile scegliere verso quale zona proseguire. All’estremità sud del ponte si trovano il Globe Theatre, dove recitò la compagnia di William Shakespeare, la Bankside Gallery e la celebre Tate Modern, il museo più visitato al mondo dedicato all’arte moderna internazionale. All’estremità nord si trovano invece la prestigiosa City of London School e la Cattedrale di St. Paul, secondo edificio religioso per dimensione in Gran Bretagna dopo la cattedrale di Liverpool, dove sono sepolte illustri personalità britanniche tra cui il Duca di Wellington, Lord Nelson e Thomas Edward Lawrence.

st-pauls-cathedral

Il Millennium Bridge è allineamento in modo tale da offrire una bellissima vista sulla facciata della cattedrale che rimane incorniciata dai piloni del ponte. Da qui, seguendo la Queen’s Walk sempre costeggiando il Tamigi, si può arrivare in circa un’ora fino al Westminster Bridge, dove ammirare il Palazzo di Westminster sede del Parlamento britannico e il celeberrimo Big Ben..

london-eye-at-night

Seguendo poi le indicazioni del Westminster Walk, in circa due ore è possibile visitare alcune tra le principali attrazioni turistiche di Londra come ad esempio Trafalgar Square, The Mall (l’ampio viale lungo circa 1 km che attraversa gli Spring Gardens) e Buckingham Palace residenza ufficiale della famiglia reale.

buckingham-palace

Nonostante la sua ampiezza, Londra è una città che si può visitare facilmente a piedi, sfuggendo così alla confusione e risparmiando sia tempo che denaro: i trasporti pubblici a Londra, sebbene molto efficienti, sono infatti piuttosto cari e spesso molto affollati. Anche per questo motivo, la municipalità ha sviluppato numerosi progetti per migliorare le infrastrutture pedonali, rivolgendo un’attenzione sempre maggiore all’accessibilità per  persone con mobilità ridotta.

Sul sito web Transport for London si trovano interessanti suggerimenti su percorsi da fare a piedi oppure in bici da organizzare grazie alle opzioni avanzate del Pianificatore di Itinerari, uno strumento davvero molto valido. Se si percorrono tutti i 64 km che compongono il Thames Path Walk, sempre attraverso il sito, è possibile ricevere un attestato di congratulazioni.

Scoprire Londra passeggiando è davvero un’esperienza particolare. Ricordate però che nel Regno Unito le auto circolano sulla sinistra e bisogna fare sempre molta attenzione a guardare nella direzione corretta quando si attraversa la strada, allora non mi resta che augurarvi buon viaggio!

Davide Prevosto

Web Developer presso Encodia e consulente presso Seochef, adoro viaggiare in compagnia di Nemo, il mio amico labrador. Nel tempo libero mi diverto a fingere di essere un runner, e semplicemente... corro! "Le persone non fanno i viaggi. Sono i viaggi, che fanno le persone".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *