Papagayo, El Bollullo e le altre spiagge da sogno delle Canarie.

CondividiShare on Facebook5Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Pin on Pinterest2Email this to someone

Circondate dall’Oceano Atlantico, le isole Canarie si caratterizzano per spiagge da sogno di sabbia nerissima bagnate da un mare fresco e cristallino.

L’incantevole arcipelago spagnolo al largo del nord d’Africa, è composto da sette isole maggiori e due isole minori. Situate poco a nord rispetto al Tropico del Cancro, alla stessa latitudine della Florida, dei Caraibi e delle Hawaii, le Canarie godono di un delizioso clima tropicale e di una temperatura costantemente compresa tra i 20 e 30°C. Anche in inverno è quindi possibile prendere il sole, fare il bagno e passeggiare lungo le spiagge più belle. Andiamo a scoprire quelle assolutamente da non perdere.

Playas de Papagayo a Lanzarote

Considerata una delle più belle spiagge delle Canarie, è una stupefacente distesa di sabbia dorata affacciata su un mare caraibico, situata a Lanzarote nella parte meridionale dell’isola, lungo la Costa del Rubicon, poco distante dal centro turistico di Playa Blanca, facilmente raggiungibile a piedi, in bici, oppure con lo scooter.

Papagayo

La Playas de Papagayo è composta da sette piccole spiagge, separate tra loro da bellissime rocce laviche. Playa de Afe, Playa de Mujeres, Playa del Pozo, Playa de la Cera, Playa de Papagayo, Caleta del Congrio e Playa de Puerto Muelas sono davvero un paradiso in terra per la loro stupefacente bellezza, con  appositi spazi dedicati al turismo naturalista.

Proprio qui venne allestito il primo accampamento dei conquistadores risalente al 1400 e sempre qui venne edificata la prima chiesa.

Playa El Bollullo a Tenerife

Tenerife, con i suoi oltre 2mila kmq, è l’isola più grande dell’arcipelago. Nel nord, nei pressi di Puerto de la Cruz, si trova la spettacolare spiaggia di sabbia nera vulcanica di El Bollullo. Situata in una grande baia leggermente nascosta, per raggiungerla bisogna percorrere scenografiche stradine rese ancora più belle dalla brezza marina e dalle piantagioni di banani che costeggiano il percorso.

El-Bollullo

Da un caratteristico bar dal tetto a capanna in paglia, poco sopra la spiaggia, si può godere di una vista spettacolare sull’oceano sorseggiando una bibita fresca e gustando semplici piatti tipici.

I 400 metri di spiaggia sono protetti da scogliere a pico sul mare, che separano El Bollullo da Playa  de Los Patos, un altro piccolo paradiso frequentato da surfisti e naturalisti.

Playa de Nogales a La Palma

La spiaggia indubbiamente più bella di La Palma è Playa de Nogales, una delle più lunghe delle Canarie. Sormontata da un’alta scogliera che la protegge dal vento e da cui si gode di un panorama unico sulla baia e sull’Oceano, Playa de Nogales si trova a nord di Puntallana. A causa dell’origine vulcanica, la sabbia è nera e in contrasto con l’azzurro intenso del mare regala uno spettacolo cromatico sensazionale. Particolarmente amata da surfisti, naturalisti e persone in cerca di calma e tranquillità, la Playa de Nogales è facilmente raggiungibile in macchina, grazie al vicino parcheggio  e al breve sentiero che conduce alla spiaggia.

Nogales
Unicode

L’intera isola è stata dichiarata Patrimonio dell’umanità dall’UNESCO per la bellezza stupefacente della sua natura.

Corralejo a Fuerteventura

Fuerteventura, comunemente chiamata “Fuerte” dai suoi abitanti, è l’isola dell’arcipelago più vicina alle coste africane e la seconda per estensione. Priva di importanti rilievi vulcanici, è il luogo ideale per fare surf, windsurf, kitesurf e tutti gli sport legati al vento qui molto abbondante.

Corralejo

A Corralejo, un tempo minuscolo villaggio di pescatori divenuto una delle mete turistiche più amate, si trova il Parco Nazionale di dune di cui fa parte la più bella spiaggia dell’isola. Sempre ventilata, è il luogo ideale per gli amanti della tintarella, inoltre grazie al curioso fenomeno della bassa marea, si formano delle piccole piscine naturali delimitate da scogli in cui restare immersi per ore, godendo a pieno la pace del luogo.

CondividiShare on Facebook5Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Pin on Pinterest2Email this to someone

Simone Sarchi

Classe 1989, giornalista, laureato alla City University London in International Journalism e viaggiatore incallito. Grazie alle mie esperienze studentesche e lavorative ho avuto diverse possibilità di girare in Europa, Africa e Medio Oriente. Amo entrare a contatto con nuovi luoghi, conoscere persone e culture diverse. Una passione che non mi abbandonerà mai. Sogno nel cassetto? Esplorare l'Asia, l'Indocina, luoghi affascinanti per paesaggi e tradizioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *