Come preparare la vera moussaka greca

CondividiShare on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Pin on Pinterest0Email this to someone

Se hai scelto di visitare la Grecia è un piatto che non puoi non provare. Ma se sei a casa e vuoi portare il piatto ellenico in tavola, ecco la ricetta per la vera moussaka greca

Questo piatto è una leggenda! Cremoso, succoso e assolutamente delizioso. La moussaka è uno dei piatti più popolari in Grecia, servito in quasi ogni taverna e preparato in ogni casa in occasioni speciali e grandi pasti in famiglia. Per preparare la tradizionale moussaka greca, i succulenti strati di carne macinata (preferibilmente di agnello) vengono cotti in una salsa a base di pomodoro, ricoperti da strati di melanzane dolci e una besciamella cremosa; il tutto cotto al forno finché non diventa color oro. Semplicemente irresistibile! Con questa ricetta potrai facilmente ricreare questa tradizionale delizia da zero! L’essenza di questa tradizionale ricetta della moussaka greca può essere riassunta in tre tappe fondamentali: preparare la carne, preparare la besciamella e cuocere le melanzane. Dovrai sporcare un po’ di pentole, ma il risultato finale ti farà dimenticare tutti i sacrifici!

 

Come preparare la vera moussaka greca

Ricetta della moussaka greca: preparare la salsa di carne

La ricetta tradizionale della moussaka greca richiede l’utilizzo sia dell’agnello tritato, sia di un mix di agnello e manzo. Ma se non riesci a gestire il suo sapore forte e preferisci una versione più leggera, prova a sostituirlo con una buona qualità di vitello macinato. Per preparare la salsa per questa ricetta, la carne macinata viene soffritta nell’olio d’oliva, aromatizzata con cipolle e aglio e poi affumicata con del vino rosso e salsa di pomodoro. Le erbe aromatiche e le spezie utilizzate nella ricetta tradizionale penetrano nella carne e danno un gusto e un odore davvero caratteristici che permeano la casa, una volta messi in forno! Lasciate che la salsa cuocia per un po’ di tempo per permettere ai sapori di mescolarsi.

carne macinata per moussaka greca

Come preparare la besciamella

La besciamella è la parte più importante per questa ricetta e probabilmente anche la parte più semplice. Per ottenere la formula perfetta, aggiungere il latte (preferibilmente tiepido) un po’ alla volta alla farina, continuando a mescolare. La besciamella perfetta per la tua moussaka dovrebbe essere liscia e cremosa. La chiave è quella di mescolare la salsa costantemente per consentire che la farina assorba il latte, in modo che non si schiuda. Cuocere la salsa a fuoco medio-basso per evitare che si bruci e si attacchi sul fondo della padella, ma fai attenzione a farla cuocere abbastanza, almeno finché non si sente più il sapore della farina.

Come preparare le verdure

La base per una moussaka tradizionale greca è la melanzana fritta. Alcune ricette utilizzano anche le patate affettate, quindi se ti piacciono le patate, prova ad aggiungere come primo strato le patate a fette per un sapore più deciso durante i mesi invernali. La ricetta tradizionale greca richiede però le melanzane fritte (e le patate), ma per un’alternativa più leggera, prova a saltare in padella le melanzane (e le patate) con un po’ di olio d’oliva e cuocerle per 20 minuti invece di friggerle. Alcune melanzane possono essere amare, quindi è molto importante rimuovere questo sapore con il sale e lasciarle stare per mezz’ora in acqua.

melanzane fritte per moussaka greca

La ricetta della vera moussaka greca: ingredienti e procedimento

  • olio di oliva quanto basta;
  • 3 melanzane media o 2 grandi, affettate;
  • 1 cipolla grande, tritata finemente;
  • 4 spicchi d’aglio, finemente tritati;
  • 1 cucchiaio di origano secco;
  • 500 grammi di agnello macinato;
  • 2 cucchiai di pomodoro passato, con l’aggiunta di 150 ml di acqua;
  • 150 ml di vino rosso;
  • piccolo mazzetto di prezzemolo piatto, tritato.

Per la besciamella:

  • 500ml di latte;
  • 60 grammi di burro;
  • 60 grammi di farina;
  • 50 grammi di pecorino grattugiato;
  • 2 uova sbattute;
  • noce moscata grattugiata.

1. Pre-riscaldare il forno a 180 ° C. Tagliare le melanzane a fette e metterle sulla carta da forno. Spennellare con olio d’oliva e cuocere per circa 25 minuti fino a che non diventano morbide e dorate. Questa è un’ottima alternativa al doverle friggere.

2. Nel frattempo, mettere 2 cucchiaini di olio d’oliva in una grande padella su fuoco medio e far soffriggere la cipolla. Aggiungere l’aglio e l’origano e cuocere per altri due minuti, quindi aggiungere l’agnello. Alza leggermente la fiamma e taglia bene la carne. Lasciare cuocere fino a quando non risulta abbastanza asciutta. Aggiungere il pomodoro e il vino e portare a bollore, quindi abbassare la fiamma e cuocere per 30-40 minuti fino a quando la maggior parte del liquido è evaporato. Aggiungere il prezzemolo.

3. Nel frattempo, fare la besciamella. Portare il latte appena sotto il punto di ebollizione e sciogliere il burro in un’altra casseruola. Mescolare la farina nel burro e cuocere per un paio di minuti, poi sbattere gradualmente nel latte caldo. Cuocere fino ad ottenere una salsa spessa, quindi mescolare il formaggio fino a che non si scioglie. Togliere dal fuoco e lasciare raffreddare leggermente, quindi aggiungere le uova, sale a piacere e un po’ di noce moscata.

4. Disporre uno strato di melanzane alla base di un piatto da forno, e coprire con la metà della carne. Ripetere questa procedura e finire con uno strato di melanzana, e in alto con la besciamella. Cuocere per circa 45 minuti fino a che non diventa dorata e poi lasciare raffreddare per mezz’ora prima di servire.

 

CondividiShare on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Pin on Pinterest0Email this to someone
Annette Palmieri

Annette Palmieri

Napoletana, gattara, logorroica, twittatrice compulsiva, non vivo senza il mio smartphone a portata di mano. Vi avviso: sono peggio di Lucy Van Pelt. Amo le parole e quotidianamente lotto contro i miei nemici giurati: i refusi. Non sono brava in tutto anzi, le cose che so fare sono notevolmente maggiori rispetto a quelle che non so fare. Ad esempio, so scrivere ma non so camminare e bere contemporaneamente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *