Spaghetti ai ricci di mare: l’estate è per sempre

CondividiShare on Facebook78Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Pin on Pinterest0Email this to someone

Gli spaghetti ai ricci di mare sono tipici del sud Italia e diffusi soprattutto nelle isole del Golfo di Napoli – tra cui Capri – Sicilia e Sardegna. Questa ricetta nasce dalla necessità, in un tempo in cui la povertà e la fame regnavano sovrane e ci si doveva nutrire con quello che la natura offriva. Così i marinai prendevano il largo per pescare i ricci di mare, ieri come oggi erano armati di un forchettone legato ad un’asta oppure muniti di un semplice coltello.

La specie usata in cucina è chiamata Paracentrotus lividus della famiglia degli Echinidae e trova il suo habitat naturale nel Mediterraneo. È conosciuta come riccio viola per via dei suoi aculei di colore violetto. Ma non solo. Questo frutto di mare è commestibile anche se ha cromie tendenti al rosso bruno o verde oliva. Il periodo migliore per mangiare i ricci di mare? Nei mesi con la R, tra febbraio e aprile.

La parte che viene utilizzata tra i fornelli è la polpa arancione, ovvero le uova conservate nelle gonadi. Secondo la tradizione i ricci di mare vanno gustati crudi e direttamente dal guscio con una fetta di pane fresco o al massimo una goccia di limone. Puoi fare persino la scarpetta, intingendo la crosta nell’involucro.

Immagina di assaporare questa bontà proprio durante le tue vacanze a Capri. Magari sulla spiaggia di Marina Piccola ad un passo dai Faraglioni, sentirai il mare dentro. Attenzione però, consumarli in questo modo può essere pericoloso. Il motivo? Rischi di prendere la salmonella e l’epatite A. Ma adesso vediamo come cucinare gli spaghetti ai ricci di mare.

Come aprire i ricci di mare

Vuoi cucinare gli spaghetti ai ricci di mare ma prima devi aprirli. Come fare? Per estrarre la preziosa polpa puoi sfruttare la forbice taglia ricci. Incidi la parte opposta alla bocca e poi elimina l’acqua e le alghe al suo interno. In seguito sciacqualo e con un piccolo cucchiaio togli il nucleo arancione, quello che mangerai. Ecco, non solo hai aperto l’esemplare, sei riuscito anche a pulire i ricci di mare.

Ingredienti per 4 persone

La soluzione migliore – se possibile – è reperire ricci freschi e già puliti per velocizzare la preparazione del piatto. Hai deciso di conservare i ricci di mare e gustarli in un secondo momento? Appena pescati mettili in un secchio con acqua di mare, aspetta che abbassino gli aculei, aprili, puliscili e congela in tempi brevi la polpa. Ora andiamo al punto. Vediamo gli ingredienti che servono per preparare la pasta ai ricci di mare:

  • 300 grammi di spaghetti.
  • 60 ricci di mare.
  • 1 spicchio d’aglio.
  • Olio extravergine d’oliva.
  • Mezzo bicchiere di vino bianco.
  • Un pizzico di sale.
  • Pepe Bianco quanto basta.
  • Un ciuffo di prezzemolo.

Come cucinare gli spaghetti ai ricci di mare

Inizia a tagliare e pulire i ricci di mare e metti da parte in una ciotola la polpa arancione. Poi inizia a preparare il condimento per gli spaghetti. In una padella antiaderente aggiungi olio extravergine d’oliva e uno spicchio d’aglio, attendi che acquisti un colore dorato. In seguito, toglilo e versa nella casseruola i ricci insieme al mezzo bicchiere di vino bianco.

 

Dopo qualche minuto togli la padella dal fuoco e lascia che il preparato si raffreddi. Ora tocca alla pasta. Riempi una pentola d’acqua e aspetta che raggiunga l’ebollizione. A questo punto, getta gli spaghetti e scolali quando sono al dente. Infine, unisci la pasta al sughetto con bella spolverata di pepe e prezzemolo tritato.

Spaghetti ai ricci di mare: provali

Con la ricetta degli spaghetti ai ricci di mare avverti il mare sulle labbra. Lasciati trasportare dal suo sapore ora intenso, ora delicato. L’estate – grazie a questa prelibatezza semplice e gustosa – non finirà mai. Basterà chiudere gli occhi e concentrarsi sulle sensazioni che accarezzano il tuo palato per vedere Capri di nuovo.

E se ami sperimentare in cucina ti consiglio di cucinare spaghetti ai ricci di mare con i pomodorini o con le zucchine. Ora lascio a te la parola. Hai mai assaggiato questa pietanza tipica delle località di mare?

CondividiShare on Facebook78Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Pin on Pinterest0Email this to someone

Marilena D'Ambro

Giornalista, blogger e webwriter. Scrivo per diversi blog tra cui: SEOchef, HostingVirtuale e LogicalDOC – Gestione documentale facile. Non inizio la mia giornata senza un buon caffè e una passeggiata immersa nella natura in compagnia del mare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *