Cosa vedere ad Atene in tre giorni: le principali attrazioni

Atene è una città molto ricca di storia ed allo stesso tempo una metropoli moderna, adatta anche ad un pubblico molto giovane che con i libri di scuola dedicati all’Antica Grecia ci fa un po’ a cazzotti. Volendo dare alla capitale della Repubblica Ellenica una definizione, la si potrebbe riassumere come un enorme sito archeologico a cielo aperto modernizzato secondo lo scorrere del tempo.

Oltre questo, Atene è molto estesa: il comune conta oltre 655 mila abitanti ed ha una superficie complessiva di 39 km quadrati. L’area urbana, però, è ben più estesa e copre circa 412 km quadrati di territorio, con una popolazione di oltre 4 milioni di abitanti.

A fronte di questi numeri si pensa sia impossibile visitare Atene in 3 giorni, ma non è assolutamente così. Siete pronti a partire per un weekend all’insegna di storia e divertimento? Preparate il trolley, prenotate un volo low-cost, un appartamento su Airbnb e volate verso la capitale greca.

Acropoli, Monastiraki e Plaka

Il centro storico di Atene è racchiuso tra l’Acropoli, Monastiraki e Plaka, i tre quartieri simbolo dei tempi che furono. Il consiglio è quello di partire di buona lena al mattino e cominciare la vostra visita dall’Acropoli, così da evitare la folla e il caldo battente (io ci sono stata in agosto e non ve lo racconto nemmeno). La visita dura circa 3 ore e vi raccomando di preparare bene le gambette perché i gradini a salire sono molti. All’interno dell’Acropoli potrete ammirare il Partenone, l’Eretteo ed il Tempio di Atena Nike.

Tempio Atena Nike

Il prezzo del biglietto per l’Acropoli, vi consentirà di visitare anche il Teatro di Dionisio (il maggior teatro dell’Antica Grecia), l’Odeo di Erode Attico (non sempre aperto) e l’Agorà Romana con la Torre dei Venti, la Biblioteca di Adriano e la Porta di Atena Archegetis.

Con la testa piena di storia, vi consiglio di dirigervi nel quartiere Monastiraki, pronto ad accogliervi con le sue numerose trattorie sparse nei vicoletti. Sono certa che non farete fatica a trovare un posto dove mangiare, sono davvero un sacco i ristorantini che offrono specialità greche nel quartiere. Certamente suggestiva e caotica, potrete smaltire il pranzo attraverso un giretto al mercatino delle pulci e dirigendovi poi verso il quartiere Plaka. Qui potrete visitare il museo dell’Acropoli e perdervi tra i numerosi vicoli degli dei, ovvero delle viuzze caratterizzate da edifici neoclassici, che vissero il loro pieno splendore tra gli anni ’50 e ’60 del 1900.

Piazza Syntagma

Piazza Syntagma si trova nel pieno centro della città ed è il luogo dove sorgono il Parlamento Greco e la tomba del Milite Ignoto, presidiato dalla Guardia Nazionale. Ogni mattina alle ore 11.00 si svolge il cambio della guardia, uno spettacolo unico e molto suggestivo. Onestamente è stata una bella sorpresa: quando ho assistito non sapevo che ci sarebbe stato e mi sono fermata molto volentieri per gustarmi a pieno tutto lo “spettacolo”.

Oltre che la piazza, vi consiglio di visitare la stazione della metropolitana di Syntagma: potrete ammirare numerosi resti archeologici che hanno ritrovato la luce a seguito degli scavi.

Giardini nazionali di Atene

Tra Piazza Syntagma e lo Stadio Panatenaico (prossima tappa) sorgono i Giardini Nazionali di Atene: un grande parco dove potervi rilassare e fare merenda (why not?). I Giardini sono stati costruiti nel XIX secolo e vantano al proprio interno oltre 15 mila specie di piante da tutto il mondo, il museo botanico, un piccolo zoo ed numerosi monumenti classici.

Stadio Pantatenaico

Lì dove un tempo (ben nel 330 a.c.) ebbero luogo i Giochi Pantatenaici, oggi sorge lo Stadio Pantatenaico. Visitabile con pagamento di un biglietto, potrete ammirare dove si svolse la prima edizione dei Giochi Olimpici, nel lontano 1896.

E poi non te la vuoi fare una foto sul podio, dove vennero premiati i grandi dello sport? 😉

Stadio Pantatenaico podio

Antica Agorà e Ceramico

L’Antica Agorà, ovviamente differente dall’Agorà Romana di cui vi ho parlato poco sopra, è formata da numerosi edifici imperdibili. Qui potrete visitare la Zecca, l’altare dei dodici dei, l’Eliea, il Tempio di Apollo Patroos, il Museo dell’Agorà e, infine, il Tempio di Efesto. Da qui potrete proseguire a piedi per nemmeno un chilometro e andare a visitare il Ceramico, la più grande necropoli greca risalente al IX secolo a.c. ed il relativo museo.

Visitare Atene in 3 giorni: altre cose da non perdere

Se vi avanza tempo, vi consiglio di visitare anche:

  • La Cattedrale Metropolitana risalente al XIX secolo;
  • La Chiesa di Panagia Kapnikarea di epoca bizantina;
  • La stazione metropolitana dell’Acropoli ed i suoi resti;
  • Il Pireo, ad una decina di chilometri da Atene, ed il suo porto;
  • Le baie di Zea e Mikrolimano.

A tutti voi… Buon viaggio!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *