Pasta sfoglia: dalla storia alla preparazione

Se la nostra ricetta prevede l’uso della pasta sfoglia come ingrediente principale, allora si preferisce recarsi in un supermercato o dal panettiere di fiducia, piuttosto che prepararla da sé. Nel corso dei secoli, tuttavia, questa comodità non era sempre possibile.

In qualsiasi tipo di supermercato, oggigiorno, è presente la pasta sfoglia in tutte le sue forme: la si può trovare rotonda, rettangolare, arrotolata, fresca o surgelata, ma un tempo, tutto ciò non era affatto possibile. Se si volevano realizzare delle ricette con la pasta sfoglia come ingrediente principale, allora bisognava prepararla a partire dai suoi ingredienti basilari. La storia di questa preparazione affonda le sue origini in epoche antiche: infatti, la si può ritrovare nella realizzazione di un tipico dolce turco come quello della baklava. Pur tuttavia, la classica pasta sfoglia della cucina europea nasce nella seconda metà del Settecento con Marie-Antoine Carême ed è stato proprio questo cuoco a introdurre il metodo a 5 giri che è in uso ancora oggi. Infatti, la preparazione della pasta sfoglia è una delle più note e lunghe della cucina classica: essa prevede una serie precisa di passaggi, detti anche “giri di pasta o di sfoglia”, che sono necessari per una corretta lievitazione e cottura. Ma, a contendersi la ricetta originale della pasta sfoglia, non c’è solo Antoine Carême, ma anche François Pierre de la Varenne, che è diventato noto per l’invenzione, e per la conseguente preparazione, dei celeberrimi “sei giri”, ovvero il metodo a 6 giri della pasta sfoglia.

La pasta sfoglia dalla storia alla cucina

Comunque, le origini di questo impasto sono davvero antichissime: infatti, prima che venisse usato il burro nella preparazione della pasta sfoglia, si usava l’olio. Tale ingrediente veniva utilizzato per questo tipo di preparazione inizialmente dagli egizi, poi, è stato adoperato nelle preparazioni dei cibi arabi e, successivamente, in quelle della cucina greca, per poi essere usato anche a Roma, fino in epoca moderna. È a partire dal Settecento che, anziché usare l’olio nella ricetta della pasta sfoglia, viene usato il burro. Una particolarità di questo particolare impasto è che deve essere lavorato per molto tempo. Infatti, richiede una grande cura e attenzione nella manipolazione degli ingredienti, affinché l’aria possa inglobarsi tra i vari strati di pasta e burro, per poi dilatarsi durante quel processo naturale chiamato “lievitazione fisica”.

  Gli ingredienti 

Di seguito, vedrete come, a partire da semplici ingredienti, si possa realizzare una delle basi più usate nella cucina, sia per quanto riguarda le preparazioni salate e sia quelle dolci. Infatti, gli ingredienti per il pastello sono:

  • 150 g di farina manitoba;
  • 200 g di farina 00;
  • 8 g di sale fino;
  • 250 ml di acqua

mentre, per il panetto servono:

  • 250 g di burro;
  • 75 g di farina 00

Preparazione

Per preparare la pasta sfoglia, si comincia dalla preparazione del pastello: mescolate e setacciate le due farine in una planetaria o in una ciotola (quest’operazione può essere fatta a mano o con un gancio a foglia). Sciogliete il sale nell’acqua, versatelo all’interno della planetaria (o ciotola) assieme alle farine e mescolate il tutto a media velocità per circa 8 minuti, fino a quando non otterrete un impasto liscio e omogeneo. L’impasto, ovviamente, deve risultare molto più morbido ed elastico di quello del pane e, passati questi minuti, lasciatelo riposare sotto un canovaccio da cucina, in un luogo fresco e asciutto, per almeno mezz’ora. Nel frattempo, iniziate a realizzare il panetto: tagliate a cubetti il burro e inseritelo nella planetaria, aggiungete i 75 g di farina e mischiate il tutto fino a ottenere un composto morbido, senza grumi e omogeneo. A questo punto, trasferite l’impasto su una spianatoia, compattatelo in modo da formare un quadrato e, o con l’aiuto delle mani infarinate, o con un mattarello, appiattitelo dello spessore di circa 1 centimetro e riponetelo in frigorifero per almeno mezz’ora nella parte più bassa.

Dopo questo tempo, stendete il pastello e ricavatene un rettangolo di circa 50 cm di larghezza, posizionate il panetto al centro e richiudetelo all’interno servendovi dei lembi più lunghi facendoli combaciare. Una cosa importante da ricordare è quella di chiudere bene la pasta centrale così da ottenere un effetto simile a quello di una chiusura di scatola. Ripiegate anche gli altri due lembi per racchiudere completamente il panetto e ricordatevi di infarinare sempre il piano da lavoro e la pasta. Ora, con l’aiuto di un mattarello, premete sull’impasto in modo da rendere più cedevole il panetto di burro e stendete la sfoglia conferendole una forma rettangolare e regolare della lunghezza di circa 25 cm. A questo punto, piegate i due lati più corti e fateli combaciare al centro del lato più lungo, assicurandovi che i due lembi non si sovrappongono, e piegatela a libro facendo appoggiare un lembo sull’altro. Avvolgete il panetto con la pellicola e riponetelo in frigo per almeno mezz’ora. Passato questo tempo, estraete la sfoglia, ripetete la stesura e la piegatura (così come avete fatto precedentemente) per un totale di 5 volte (intervallate ciascuna da un riposo di mezz’ora in frigorifero). Alla fine, dopo l’ultima piegatura, la pasta sfoglia dovrà riposare per almeno un’ora prima dell’utilizzo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *