Come fare l’insalata di riso (all’italiana): scopri la ricetta originale

Vuoi preparare un’insalata di riso per una calda serata estiva per mangiare qualcosa di leggero? Hai improvvisamente amici a cena e non sai cosa cucinare? Preparare insalata di riso risolve ogni problema! Scopri come fare l’insalata di riso all’italiana con la nostra guida passo-passo con tutti gli ingredienti dell’insalata di riso, la preparazione e qualche suggerimento per la presentazione in tavola.

Quando in casa non hai che verdure, un po’ di formaggio, dei salumi, uova, tonno e magari anche del mais, preparare l’insalata di riso è un’alternativa invitante rispetto alla prospettiva di stare a sudare ai fornelli. Semplice, veloce e gustosa: l’insalata di riso all’italiana è perfetta per le serate estive. Quali sono gli ingredienti indispensabili per prepararla e come possiamo renderla davvero speciale? Continua a leggere e ti racconteremo come preparare un’insalata di riso con i fiocchi.

Ricetta insalata di riso

La ricetta originale dell’insalata di riso è molto semplice. Basta cuocere il riso bianco (preferisci quello sgranato che non scuoce mica): molti preferiscono il riso basmati per preparare l’insalata di riso ma puoi usare quello che preferisci. Una volta cotto a puntino, puoi mettere il riso in una ciotola e farlo raffreddare.

Trucchetto in cucina. Qualche nonna napoletana potrebbe suggerirti di mettere il contenitore in frigo una volta cotto il riso per l’insalata: aspetta che si stemperi un po’ prima di farlo, altrimenti rischi di rovinare la cottura.

Mentre il riso cuoce sul fuoco, hai tutto il tempo per preparare il mix da aggiungere alla preparazione della tua insalata di riso. Normalmente, gli ingredienti per la ricetta originale dell’insalata di riso prevedono verdure, formaggio, wrustel, mais, tonno e uova sode. Ovviamente tu puoi aggiungere al mix di base quello che più ti piace (o anche le rimanenze del tuo frigorifero!).

La cosa divertente della ricetta classica dell’insalata di riso è che puoi davvero sbizzarrirti con gli ingredienti. Puoi, infatti, sostituire gli ingredienti classici dell’insalata di riso con le proposte che più ti piacciono: zucchine e gamberetti saltati, un freschissimo pomodorino piccadilly insieme a mais ed avocado. Insomma, la proposta più pazza è ben accetta: il riso bianco sgranato si accompagna bene a qualunque tipo di accostamento culinario (e cromatico, per gli appassionati di cucina e psicologia del colore nelle presentazioni.

I segreti per preparare l’insalata di riso 

La cosa divertente, come dicevamo, è che con l’insalata di riso puoi davvero variare, basta cambiare anche un solo ingrediente e tutto ha un altro sapore. Ma quali sono i trucchi per preparare l’insalata di riso e non sbagliare proprio niente? Ovviamente te li sveliamo noi!

fonte: rizla.it

Tanto per cominciare, uno dei segreti per preparare un’insalata di riso con i fiocchi, è quello di utilizzare il giusto tipo di riso. Ti abbiamo suggerito del riso bianco sgranato perché non si incolla e mantiene la cottura: bene, puoi tranquillamente utilizzare il riso Ribe oppure un più conosciuto riso Arborio e Parboiled. Se proprio vuoi qualcosa di (quasi) esotico, magari da abbinare con ingredienti più particolari, puoi scegliere un riso nero o riso venere. Personalissimo consiglio è evitare il riso basmati se utilizzi ingredienti dal forte sapore o profumo (questo tipo di riso già profuma di suo).

Gli ingredienti da evitare quando prepari l’insalata di riso sono sicuramente i preparati liofilizzati o sottovuoto: l’effetto cibo della mensa scolastica non piace a nessuno. Meglio ingredienti freschi, anche più semplici ma sicuramente più gustosi. Evita, inoltre, di utilizzare (sempre per il principio “esaltiamo i sapori naturali”) salse molto forti – come la maionese – oppure olii molto saporiti. Questi potrebbero coprire il sapore degli ingredienti che hai scelto per la tua insalata di riso. Sarebbe un vero peccato!

Veniamo ora alla cottura e al “raffreddamento” del riso: una volta scelta il giusto tipo di riso per la tua insalata, metti su la pentola e portala ad ebollizione. Scola il riso, una volta cotto. Attenzione: questa è una fase davvero critica. Non passare il riso sotto l’acqua fredda: è un errore gravissimo che non solo priva il riso delle sue proprietà nutrienti ma ne blocca anche la cottura e ne indurisce subito i chicchi. L’insalata ci piace fresca, non condita con i San Pietrini!

La procedura più “gustosa” (quella che mantiene intatto il sapore di ogni singolo ingrediente dell’insalata di riso) per preparare questo piatto è sicuramente di preparare singolarmente i singoli elementi – taglia le verdure, fai scolare via l’olio dal tonno al naturale e così via – e poi unirli prima tra di loro in una ciotola e mescolarli successivamente al riso che avevi già fatto raffreddare in frigo.

Dopo aver amalgamato tra di loro tutti gli ingredienti ed averli uniti al riso, metti la ciotola in frigo per circa un’ora e poi servi condendola con la tua fantasia, per una fantastica presentazione!

L’insalata di riso fa bene (al corpo e alla mente) 

La ricetta per l’insalata di riso è quanto di più semplice si possa preparare, anche per chi di cucina non ne sa proprio nulla. Una ricetta veloce che arricchisce i tuoi menù estivi e li rende davvero leggeri ed invitanti. Che tu sia o meno ancora lavorando sulla tua prova costume, il riso all’insalata fa benissimo al corpo e alla mente.

  • È un piatto unico che, in estate, permette di dare al corpo tutti i nutrienti di cui ha bisogno, considerando la sua varietà di ingredienti;
  • L’insalata di riso è una ricetta semplice e veloce che permette di non appesantire il corpo durante le lunghe e calde giornate estive;
  • Il riso è un alimento ad alta ed anche i suoi ingredienti sono semplici, leggeri e gustosi digeribilità (attenzione agli accostamenti: carne e pesce magari sono da evitare insieme);
  • Se utilizzi un olio di oliva o extravergine per condire il tutto, bene! Se, invece, utilizzi l’olio di riso (quello che si estrae dal chicco di riso, per intenderci) ancora meglio: quest’olio, infatti, contiene, gamma-orizanolo che ha la facoltà di abbassare il livello di colesterolo nel sangue;
  • Se scegli, invece, di utilizzare un aceto, scegli sempre un aceto di mele o di riso che la capacità di ridurre le fermentazioni del tratto gastro-intestinale ed anche di aumentare la digeribilità degli alimenti.

Hai altre ricette di cui chiederci la preparazione? Scrivine nei commenti!

Avatar

Cora Francesca Sollo

Digital Strategist innamorata (persa) del digitale. Aiuto le piccole aziende a raccontarsi in rete attraverso la comunicazione morbida. Credo negli abbracci digitali che diventano reali e che il mondo sia una giungla ma se sei strategicamente te stesso e sorridi forte (forse) ti salvi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.