Visitare la Maremma: il tuo viaggio incantato

Visitare la Maremma Toscana, la parte più selvaggia di questa regione e tanto amata soprattutto da coloro che vogliono una vacanza fatta sia di mare che campagna.

Hai voglia di blu o di verde? Preferisci il mare o la campagna? Se ti garbano entrambi, il posto giusto per te è la Maremma, nella bassa Toscana; talmente ‘bassa’ che la spiaggia di Ansedonia si chiama ultima spiaggia e lo è in senso letterale in quanto, poco oltre, finisce la Toscana e comincia il Lazio.

… e a questo punto, iniziamo dal blu.

Visitare la Maremma: si inizia il tour

maremma toscana spiaggie

Un tuffo nel blu

Tutto un lato della Maremma costeggia il litorale tirreno. Le spiagge, tutte ampie e sabbiose, sono costellate di stabilimenti balneari ma tra l’uno e l’altro ci sono ampi spazi di spiaggia libera mai affollati in eccesso neanche ad agosto, dove puoi comodamente piantare il tuo ombrellone per poi andare a rinfrescarti nei bar delle vicine spiagge attrezzate, quasi tutte accessibili anche per chi non è loro cliente.

La Giannella e la Feniglia

Le spiagge più gettonate, la Giannella e la Feniglia, sono due lunghe strisce di sabbia, di circa 7 km, che corrono parallele, collegando la laguna di Orbetello con la terraferma: qui risulta piacevole fare salutari passeggiate sulla battigia ed è possibile, a causa dei bassi fondali, lasciare un po’ di libertà ai bambini senza farsi venire l’esaurimento nervoso.

E se l’ora del tramonto ti sorprende sulla Giannella, non mancare l’aperitivo al Tuscany Bay, l’elegante stabilimento voluto dal compianto Pino Daniele solo pochi anni prima della sua scomparsa. Qui fra tendoni bianchi simili a vele e comodi pouf sapientemente posizionati sulla spiaggia, potrai godere, tra un cocktail e l’altro, lo spettacolo del sole che si tuffa nel mare.

Il Parco dell’Uccellina

Un discorso a parte merita poi il Parco naturale protetto dell’Uccellina, un paradiso incontaminato di flora e fauna che si estende per un centinaio di km prima di sfociare su una spiaggia e un mare da cartolina.

La sede principale del parco, in località Alberese, limita gli accessi in auto (ma una volta giunti lì, è possibile affittare delle biciclette) per mantenere inalterato l’equilibrio naturale del posto. Potrebbe capitarti così di dover attendere finché un’altra macchina non si decida ad uscire.

L’attesa è del tutto ricompensata dalla lunga via dritta immersa nella pineta che bisogna percorrere per raggiungere il mare: in un’atmosfera che ha del fiabesco, tra il profumo intenso della macchia mediterranea, ecco spuntare una volpe o un cinghiale che ti guardano con la stessa curiosità con la quale tu guardi loro.

E così, pieno di meraviglia, raggiungi il limite del parco, lascia l’auto sotto un pino e buttato in una spiaggia bianca e intatta come un naufrago felice di esserlo.

Esiste un unico chalet anche dotato di bagni, nel mezzo della pineta, ma è consigliabile portarsi da casa acqua e vivande e restare lì a godervi la quiete assoluta del posto.

Se sei un vero amante della natura, la Maremma è il luogo perfetto per te. Nel prossimo articolo ti parlerò di altre 5 tappe che non puoi assolutamente mancare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.