Pezzogna all’acqua pazza: ricetta di Capri che si porta dentro l’intensità del mare

CondividiShare on Facebook28Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Pin on Pinterest0Email this to someone

Finalmente sei arrivato a Capri. Ora puoi osservare da vicino le bellezze decantate dal poeta cileno Pablo Neruda. Ti è bastato un attimo per capire che qui nessun giorno è uguale a se stesso. Un tuffo in spiaggia al tramonto ti dona sempre emozioni diverse, lasciando spazio alla sorpresa. Un aperitivo in Piazzetta non è mai solo un aperitivo ma un assaggio di glamour condito da un pizzico di eccentricità.

Sensazione che puoi vivere solo in questo Salotto del Mondo al passaggio delle star. Ma se la mondanità ti stanca, c’è la natura ancora autentica che si lascia attraversare da incantevoli sentieri, mentre la Storia è pronta a raccontarsi attraverso i tanti musei di Capri ed edifici storici.

Non solo cosa vedere a Capri ma anche cosa mangiare. Ci sono le ricette capresi tipiche che ti danno l’opportunità di assaggiare l’isola e conoscerla attraverso i suoi sapori. Oggi tocca a un piatto che è il fiore all’occhiello della cucina di Capri. Una pietanza conosciuta e amata in tutto il mondo: la pezzogna all’acqua pazza. Un piatto che si porta dentro un ingrediente segreto davvero speciale: l’intensità del mare di Capri.

Storia della pezzogna all’acqua pazza

Questo pesce azzurro tipico del Golfo di Napoli fa parte della famiglia dei dentici e ha carni molto pregiate. E’ conosciuto anche con il nome di “occhione” per via degli occhi rossi e della pupilla grande. Molto diffusa a Capri, la pezzogna ha a trovato il suo habitat naturale in un tratto di mare compreso tra Punta Carena e Punta Ventroso.

Lo scrittore Roberto Savino ne parla a proposito della fauna ittica dell’isola:

“Al riparo di Marina Grande poche barche dormono sulla fiducia delle ancore. Quelle più pigre o chi sa? Malate, sono coricate sulla riva e riposano sul fianco come foche che allattano i loro piccini. Stese tra palo e palo, e stanche d’insidiare i pesci, le reti s’asciugano al sole. Nell’odore misto di pesce fresco, pezzogne e di pesce fritto, respiro il fiato solito dei porti di mare”.

Che cos’è l’acqua pazza in cucina?

Si tratta di un metodo di preparazione molto usato nel sud Italia. I pesci di media grandezza vengono cotti in acqua, sale, olio, aglio e pomodorini. Poi, alla fine, viene aggiunto il prezzemolo tritato che dà quel tocco inconfondibile ai piatti di questo tipo.

L’origine dell’acqua pazza risale al 1800, questa tecnica di cottura veniva praticata soprattutto dai pescatori poveri di Campania, Lazio, Sicilia, Calabria e Puglia. Questi uomini di mare preparavano i loro pranzi a bordo dei pescherecci e al posto del sale – troppo costoso – per le loro ricette a base di pesce utilizzavano l’acqua di mare, oltre agli ingredienti che ti ho già citato.

Il pesce all’acqua pazza ha raggiunto fama mondiale negli anni Sessanta grazie a Toto che amava gustare questa pietanza nei migliori ristoranti di Capri. Il principe della risata lanciò una vera e propria moda e oggi puoi trovare questa ricetta caprese in tutta la costiera Italiana.

Ingredienti per 4 persone

Gli ingredienti per preparare la pezzogna all’acqua pazza sono molto semplici da recuperare. Probabilmente alcuni di questi si trovano già nella tua cucina, vediamoli:

  • 1 pezzogna da 800 grammi.
  • 7-8 pomodorini.
  • 1 bicchiere vino bianco.
  • Peperoncino.
  • Aglio e olio d’oliva extravergine.
  • Prezzemolo fresco.
  • Sale quanto basta.

Come cucinare la pezzogna all’acqua pazza

Cucinare la pezzogna all’acqua pazza non è difficile. Ci vuole solo un po’ di tempo e attenzione. Inizia a eviscerare il pesce e a squamarlo. Se ti impressioni chiedi al pescivendolo di occuparsi di questa fase del lavoro al tuo posto.

Dopo averla sciacquata sotto l’acqua e pulita farcisci la pezzogna all’interno con aglio, un ciuffo di prezzemolo e un pizzico di sale.

Adesso, prendi una padella e mettici l’olio di oliva, peperoncino e uno spicchio d’aglio, lascialo dorare per qualche istante. In seguito, aggiungi il pesce, i pomodorini lavati e tagliati a quarti e un bicchiere di vino bianco.

A questo punto, lascia cuocere a fuoco medio per 20 minuti, chiudendo la padella con il coperchio. Ora servi ai tuoi ospiti la pezzogna all’acqua pazza ancora calda, accompagna dal seghetto che si è formato durante la cottura.

Vuoi cucinare la pezzogna all’acqua pazza?

Sapore di sale, sapore di mare. Questi sono gli ingredienti segreti della pezzogna all’acqua pazza. Ricetta caprese semplice e genuina che dà quel toco di delicatezza. Accontenta grandi e piccini e si presta a molte varianti tra cui pezzogna all’acqua pazza al forno oppure la pezzogna al cartoccio, tutte gustose e da provare. Anche tu hai provato questa ricetta di Capri? Lascia la tua esperienza nei commenti.

CondividiShare on Facebook28Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Pin on Pinterest0Email this to someone

Marilena D'Ambro

Giornalista, blogger e webwriter. Scrivo per diversi blog tra cui: SEOchef, HostingVirtuale e LogicalDOC – Gestione documentale facile. Non inizio la mia giornata senza un buon caffè e una passeggiata immersa nella natura in compagnia del mare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *