Roskilde: la prima capitale Vichinga

CondividiShare on Facebook2Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Pin on Pinterest0Email this to someone

 

Roskilde è una delle mete più affascinanti e ricche di storia della Danimarca. Sorge sull’isola della Zelanda, a pochi chilometri da Copenaghen. Una bellissima città medioevale di 80.000 abitanti,  che vanta un passato carico di accadimenti essenziali per la storia dell’intera nazione.

Roskilde: un po’ di Storia

Fondata nel lontano X secolo dai Vichinghi, il roseo passato della città è dovuto principalmente al fatto che questa fu la prima capitale del regno di Danimarca.

Nel 980 d.C., il primo re cristiano della Danimarca, Harald I detto “Dente Blu”, fece costruire a Roskilde la prima chiesa della Zelanda: la Cattedrale. Conferì in tal modo alla città il ruolo di centro religioso, e nell’ XI secolo divenne ufficialmente sede vescovile. Nel pieno del Medioevo, Roskilde con i suoi 10.000 abitanti era uno degli insediamenti più importanti di tutto il Nord Europa e restò capitale danese fino al XV secolo, quando il re Eric di Pomerania convertì Copenaghen in un possedimento reale. Pertanto nel 1417, Roskilde capitolò cedendo il posto di capitale a Copenaghen.

La cattedrale di Roskilde: la prima Chiesa della Zelanda

Roskilde Cattedrale- Roskilde Domkirke

La Cattedrale di Roskilde,dichiarata Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO nel 1995, nasceva originariamente come una struttura in legno. Nel corso degli anni ha subito notevoli cambiamenti, ma le sue fondamenta, risalenti al 1026 sono tutt’oggi visitabili. Fu uno dei primissimi esempi di chiesa gotica in mattoni rossi, una tendenza che si diffuse anche nel resto dell’Europa settentrionale, rendendo riconoscibile lo stile e battezzandolo “gotico laterizio”.

La Cattedrale cela al suo interno i sarcofagi e le tombe dei reali danesi: incredibili esempi di arte dal XIV secolo fino ai giorni nostri. Storia e leggenda si fondono tra queste mura, e tra cenni artistici e storici, la tradizione vuole che i resti di Harald I siano murati all’interno di una delle colonne ai lati dell’altare. 

Il museo delle navi Vichinghe

Roskilde-vikingeskibshallen

Il Museo delle navi vichinghe (Vikingeskibsmuseet),è situato all’estremità del Fiordo di Roskilde. L’intera struttura è minuziosamente dedicata alla storia della navigazione in epoca primitiva e medievale: dal trasporto merci alle operazioni militari. Un vero e proprio Graal per gli appassionati.

Il museo venne costruito nel 1962, in seguito al fortunato ritrovamento di ben 5 navi Vichinghe. Queste navi, poco più di mille anni fa, vennero riempite di pietre e fatte deliberatamente affondare nel fiordo per arginare il passaggio di vascelli nemici. Pur essendo rimaste in acqua per così tanto tempo, miracolosamente le navi furono ritrovate in ottime condizioni e forniscono ancora oggi importante materiale di studio per la storia Vichinga.

Il Roskilde Festival

Roskilde Festival

Dal 1971, per 4 giorni interi a cavallo tra il mese di Giugno e Luglio, la città ospita il Roskilde Festival. Una festa unica che negli ultimi anni si è affermata come una delle manifestazioni musicali più importanti d’Europa. E’ concentrata sulla musica indipendente spaziando attraverso tutti i generi musicali, dal rock all’elettronica e dal jazz alla world music. Protagonista dell’evento è perciò la musica, ma non in modo assoluto: alle performance musicali si accompagnano una miriade di attività tra cinema, teatro e danza, per citarne qualcuna.

Tra i nomi che negli anni si sono succeduti sui palchi del Festival, troviamo alcuni mostri sacri delle scena musicale tra cui Ray Charles, i R.E.M., David Bowe,  gli U2, i Red Hot Chili Peppers, i Coldplay e molti altri.

Il centro storico: cosa visitare

Le strade più famose della città, sono Skomagergade e Algade, le vie del centro sommerse di negozi, caffè e tradizionali locande.

Altra meta imperdibile è la piazza di Stændertorvet, che si apre su una delle principali vie pedonali e che rappresenta da secoli il vero fulcro della vita cittadina. Nel medioevo, questo era il luogo adibito alle fiere e con gli anni diventò popolare a tal punto che demolirono la chiesa romanica di Sankt Laurence per lasciare più spazio alle bancarelle del mercato. Oggi nella piazza sorge la magnifica statua di Roar: la leggenda vuole che sia stato lui il padre di Roskilde, fondando la città in nome di Thor e Odino (due dei pagani).

Daria de Stena
Fonte foto: Pinterest.com

CondividiShare on Facebook2Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Pin on Pinterest0Email this to someone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *