Isola del Giglio: il paradiso dell’Arcipelago Toscano

L’arcipelago Toscano è formato da un gruppo di sette isole maggiori, tra le quali l’isola d’Elba, una delle più conosciute in Italia per la bellezza del paesaggio e le sue acque cristalline.

Geograficamente l’arcipelago è bagnato da quattro mari, il mar ligure a nord dell’Isola d’Elba, il canale di Piombino a est, il mar Tirreno a sud e il canale di Corsica a ovest delle coste elbane.

Generalmente, per visitare bene le isole, si consiglia sempre di viaggiare in barca se è possibile ma laddove non fosse contemplata questa opzione nel momento in cui si arriva sull’Isola del Giglio, l’ideale è affittare un motorino e girarla in lungo e in largo.

Come tutte le isole dell’Argentario, anche questa mantiene un fascino particolare non appena si sbarca sulla terra ferma. Si avverte subito una sensazione di benessere e semplicità, tipiche di una vacanza rilassata e forse, oggi, fuori dal comune.

Mare cristallino, un paesaggio verdeggiante e piccole casette colorate tipiche del luogo, sono le uniche protagoniste di questa splendida meta, per lo più frequentata da turisti stranieri e Italiani.

L’isola del Giglio è la seconda più grande dell’Arcipelago Toscano e il suo fascino, nonostante la fama, resta ancora immutato nonostante eventi drammatici abbiano colpito il turismo tranquillo di questo paradiso.

Isola del Giglio: cosa vedere

Giglio Porto

fantastica veduta al tramonto di giglio porto

Contrariamente a quanto si vede su altre isole, l’acqua del porto dell’isola del Giglio è trasparente al punto tale che ci sono molte spiagge adiacenti, molto ben frequentate sia dagli abitanti del luogo che dai turisti.

Una delle prime mete consigliate è proprio Giglio Porto caratterizzato da una bella passeggiata “colorata” di case e piccole botteghe; gli abitanti dell’isola sono molto gentili e disponibili, nonostante il numero di persone che incontrano ogni giorno.

Non è infatti escluso che si possano trascorrere diversi minuti a conversare amabilmente con i negozianti, ben felici di dare tutte le indicazioni e i consigli rispetto a dove andare e cosa fare.

L’isola non è conosciuta però per la sua vita mondana, infatti i locali presso i quali trascorrere la serata sono solo quelli presenti a Giglio Porto.

Se scegli di trascorrere dei giorni presso il Giglio, sappi che la vita mondana non è quello che troverai, piuttosto potrai dedicarti a buoni piaceri della tavola e del vino.

Giglio Castello

meraviglioso panorama di giglio castello alla sera

L’isola toscana ha anche una connotazione storica e la zona del Giglio Castello ne è la prova inconfutabile. Il castello è un tipico borgo medioevale dove sembra che gli abitanti siano immersi in un tempo e in un luogo distante dalla realtà, e addirittura lontani dalla vita di Giglio porto.

Le sue strade strettissime, le sue alte mura, gli archi, le scalinate e le piccole piazzette che ospitano dei piacevolissimi concerti musicali in estate, sono l’attrazione maggiore del luogo.

La curiosità sugli abitanti del castello è che, per quelli più anziani, alcuni di loro non sono mai scesi a Giglio Porto e non conoscono tutta l’altra parte della loro isola.

Affascinante come questo luogo conservi in sé un perfetto equilibrio tra modernità del turismo del giglio Porto e antichità del Giglio Castello: entrambi le parti dell’isola vivono nel rispetto l’una dell’altra.

Le spiagge

Se decidi di fare una vacanza sull’isola del Giglio il consiglio che ti do è quello di girarla affittando una piccola barca, perché perderesti molto della bellezza del suo mare se non lo facessi.

Ecco le quattro spiagge protagoniste delle assolate giornate estive e delle lunghe notti toscane, in riva al mare a guardare le stelle:

  • Spiaggia del Campese
  • Cala delle Cannelle
  • Spiaggia delle Caldane
  • Cala dell’Arenella

A volte si crede di dover necessariamente andare all’estero per trovare la tranquillità di un’isola naturalistica, ma in realtà in Italia sono davvero tante le possibilità che offre il nostro paese per trascorrere una vacanza tranquilla, lontana dal caos.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *