Pronti a partire? 5 cose da portare sempre con te

 

Adesso che l’estate è giunta, tocca a noi farci trovare preparati per il suo arrivo. Chi è in procinto di partire per le vacanze, forse sta dimenticando qualcosa di molto importante. Ecco perché un check della lista degli essenziali è sempre un passaggio decisivo, soprattutto quando vi attende un viaggio lungo. Cosa pensate che sia davvero fondamentale da portare con voi? Sicuramente ognuno ha le sue preferenze su cosa mettere in valigia, ma ci sono cinque oggetti davvero indispensabili che vi consiglio di non dimenticare mai a casa.

 

Un dizionario di inglese

 

L’inglese è la lingua franca, il che significa che vi consente di comunicare (o quantomeno di farvi capire) in quasi tutti i luoghi stranieri della Terra. Grazie a questo idioma possiamo fare mille cose: possiamo stringere amicizie durante i nostri viaggi, risolvere problemi chiedendo indicazioni e informazioni, persino ordinare un pasto senza il rischio di trovarci di fronte qualcosa di immangiabile. Di conseguenza, soprattutto per chi non mastica alla perfezione questa lingua, conta tantissimo avere con sé un dizionario di inglese, meglio ancora se online con Babbel, per avere tutto a portata di mano e potersene servire all’occorrenza.

 

Un kit medico

 

Gli infortuni, le malattie e i piccoli dolorini – al contrario dei loro bersagli (cioè noi) – non vanno mai in vacanza, né in ferie. Ergo il kit medico contenente i farmaci per l’automedicazione più usati è una presenza obbligatoria nella nostra valigia, ma cosa metterci dentro? Farmaci come gli antidiarroici e gli antipiretici dovrebbero essere sempre presenti, e lo stesso dicasi per gli antidolorifici, il paracetamolo e gli analgesici. Altri farmaci o prodotti da non lasciare mai a casa sono gli anti-infiammatori e le creme solari, insieme ai cerotti, al disinfettante, alle siringhe e persino al collirio.

 

Una guida turistica

 

Certo, alcune persone potrebbero obiettare che viaggiare è bello, soprattutto quando non si hanno fra i piedi le petulanti guide turistiche. Da un certo punto di vista lo è, ma non quando si affrontano viaggi in paesi che non conosciamo, molto grandi e molto diversi dal nostro. La guida dovrebbe essere sempre ben accetta, anche per scoprire questo o quel dettaglio storico, se la cosa vi interessa. Naturalmente ciò non toglie che avrete tutte le occasioni del mondo per vivere tanti momenti anche da soli: in tal caso, però, è bene che possiate farlo potendo contare su una bella mappa, perché non si sa mai!

Una macchina fotografica

 

Il vero viaggiatore può rinunciare a tutti i comfort possibili e immaginabili, anche quando si sposta per centinaia di chilometri con un semplice zaino sulle spalle. Ma non può mai dire di no alla macchina fotografica, ovvero la migliore soluzione possibile per tenere una traccia concreta dei luoghi e dei ricordi che ci legheranno a quell’esperienza. Non si parla di un’opzione solo per gli appassionati: anche se non siete abituati a fotografare ciò che vi circonda, un bel viaggio estivo rappresenta sempre la scusa migliore per iniziare a farlo, magari basandosi sui consigli dei fotografi professionisti.

 

Un buon libro

Una vacanza, se organizzata a puntino, sa come evitare qualsiasi tempo morto, combattendo la noia a suon di attività e di scarpinate. Eppure, quando poi si torna a casa la sera, il modo migliore per combattere la stanchezza è rilassarsi per qualche minuto a letto, con un buon libro fra le mani. È anche una maniera per staccare un po’ la spina, e per dare modo al cervello di godersi – anche lui – un po’ di sano relax. E poi i libri sono i migliori amici di chi viaggia in direzione di mete molto lontane: sono il top per ammazzare il tempo in aereo, in pullman e via discorrendo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.