San Pietroburgo: cosa visitare e cosa mangiare

San Pietroburgo è una delle città più belle non solo della Russia, ma del mondo. Una città di carattere e di storia che incanta e affascina ogni viaggiatore e turista che la visita per la prima volta. Pur non essendo la capitale della Russia, che è la bellissima Mosca, San Pietroburgo è la capitale culturale della Russia, per tutti quei monumenti che raccontano la storia contorta, triste e gloriosa di una delle superpotenze mondiali. Il clima di San Pietroburgo è di tipo continentale, quindi caratterizzato da precipitazioni e vento. Per tale motivo in inverno non sono rare le nevicate oltre ad essere abbastanza rigidi. Per questo motivo se volte sapere quando andare a San Pietroburgo, vi consigliamo nei mesi estivi, perchè le giornate sono più soleggiate e più lunghe. C’è da dire che per la sua bellezza scenografica, San Pietroburgo in Russia è stata scelta dall’UNESCO come sito di tutta l’Umanità. 

Storia di S. Pietroburgo  

Sankt-Peterburg per dirlo “alla russa” è una città che meglio ha vissuto i violenti e rivoluzionari cambiamenti politici della Russia. Per capire quanto sia stata l’epicentro dell’identità politica russa, dobbiamo riportare una storiella che riassume circa 80 anni di storia in cui il nome della città non è stato mai uguale, cambiando a seconda delle correnti politiche dominanti. La storiella è questa: “Dove sei nato? A San Pietroburgo. Dove sei cresciuto? A Pietrogrado. Dove vivi? A Leningrado. Dove vorresti vivere? A San Pietroburgo”. Seguendo questa storiella possiamo ricostruire la storia mutevole di questa Nazione, protagonista e vittima di una politica di potere. 

San Pietroburgo venne costruita nel 1703 da Pietro il Grande, con la volontà di creare una “finestra sull’occidente” e al tempo stesso dare alla Nazione una capitale di prestigio e fascino. Ma nel 1914, durante la Prima Guerra mondiale quando la Russia entrò in guerra contro la Germania, si decise di rendere il nome “più russo” e venne ribattezzata come Pietrogrado. Dopo pochi anni nel 1917, in questa città venne fondato il primo stato socialista grazie alla rivoluzione bolscevica guidata da Lenin. Ma nel marzo 1918, la capitale della Russia venne spostata a Mosca. Nonostante ciò quando nel 1924, il grande Lenin morì, si decise di cambiare il nome della città di San Pietroburgo, la città che aveva reso importante Lenin e culla del comunismo, in Leningrado, in onore del grande rivoluzionario. Durante la Seconda Guerra Mondiale, questa città venne portata allo stremo della povertà e della fame a causa dell’occupazione delle truppe tedesche di Hitler. Ma nonostante la disperazione totale il popolo sovietico riuscì a non lasciarsi sopraffare del tutto, e riuscì con orgoglio e coraggio a liberarsi della sanguinosa occupazione.Con il passare degli anni e dei regimi, si decise di ripristinare il nome originario della città, anche se i comunisti erano contrari, alla fine la città russa riprese il suo vecchio nome: San Pietroburgo.

San Pietroburgo: cose da vedere

Dopo aver percorso un pò la storia di questa città, andiamo a vedere nel dettaglio cosa vedere a San Pietroburgo, una città che negli ultimo 20 anni ha vissuto un grande rilancio economico e urbanistico. Il nostro viaggio a San Pietroburgo procederà in modo da seguire e raccontare il suo enorme patrimonio architettonico.

1 Piazza Palazzo di San Pietroburgo

Il nostro viaggio non può che cominciare a Piazza del Palazzo di San Pietroburgo. In assoluto uno dei posti protagonisti degli avvenimenti storici più importanti di questa Nazione. Infatti è stata testimone di questi eventi storici:

  •  “Domenica di sangue di San Pietroburgo”: avvenuta nel 1905, in cui una protesta pacifica degli operai che chiedevano solo migliori condizioni di lavoro, venne interrotta dalla Guardia imperiale in modo violento e cruento, tanto che questo evento screditò Nicola II agli occhi dei cittadini che si preparavano ad una rivoluzione
  • Rivoluzione d’Ottobre: avvenuta nel 1917, ed è la fase finale di un cambiamento istituzionale che comportò la fine dell’impero russo e l’instaurazione della Repubblica Sovietica.
  • Manifestazioni per la democrazia: nel 1991 spesso il popolo scendeva in questa piazza per spingere alla fine dell’ Unione Sovietica.

Al centro di questa piazza vi è la Colonna di Alessandro. Un’opera di 600 tonnellate sormontata da un angelo che tiene una croce e venne realizzata per celebrare lo zar artefice della vittoria contro Napoleone Bonaparte. Questa statua di granito rosso è alta 47,5 metri ed è la più alta al mondo nel suo genere. Proprio in questa piazza si trovano due importantissimi luoghi di interesse di San Pietroburgo, il Palazzo d’Inverno e l’Ermitage.

Piazza Palazzo tra i luoghi di interesse di San Pietroburgo

2 Museo Hermitage

Una cosa da vedere in Russia è sicuramente il Museo Hermitage. Questo Museo di San Pietroburgo è in assoluto uno dei più importanti della Nazione. Per capire quanto sia prestigioso, possiamo dire che è il complesso museale più grande ed esteso, sia per dimensioni che per opere, tanto che si articola in 5 palazzi che sono: Palazzo d’Inverno, Piccolo Ermitage, Grande Ermitage, Nuovo Ermitage, Teatro Ermitage. Le opere che si contano al suo interno sono circa 3 milioni proveniente dalla Russia ma anche dal resto del mondo e coprono un arco temporale che va dalla preistoria fino a metà 800’. Per la vastità del museo di San Pietroburgo è stato stimato il tempo di 11 anni per visitare approfonditamente questo complesso artistico. La storia del museo ebbe inizio nel 1764 e per volere di Caterina II. Venne costruito da due architetti italiani Bartolomeo Rastrelli e Giacomo Quarenghi. Questo museo di San Pietroburgo contiene dei capolavori di artisti importantissimi come Caravaggio, Raffaello, Leonardo da Vinci, Rembrandt, Rubens, Van Gogh, Matisse, Renoir, Cézanne e Picasso. Quindi nella lista di “cosa vedere a San Pietroburgo” non può mancare in assoluto questo importantissimo Museo.

Il Museo è visitabile dal Martedì alla Domenica, il Lunedì è chiuso. Il martedì, giovedì, venerdì, sabato e domenica è aperto dalle 10:30 alle 18:00, mentre il mercoledì dalle 10:30 alle 21:00. Il biglietto intero costa poco più di 5 euro.

Museo Hermitage tra le cose da verdere a San Pietroburgo

3 Palazzo d’Inverno

Nel vostro viaggio a San Pietroburgo non può mancare la visita al Palazzo d’Inverno, che oltre ad essere una delle sede del museo Hermitage è anche un simbolo della città. Pochi si soffermano sulla storia di questo palazzo, essendo rapiti dalle bellissime opere d’arte che vi sono al suo interno. Ma questo complesso architettonico è stato per tanti anni la residenza degli Zar. Questo edificio è un ottimo esempio di architettura barocca, con la sua ricchezza di decori pregiati e ori sfarzosi, che attira l’attenzione con i suoi colori verde pastello con rifiniture in bianco. Questo palazzo venne costruito dal 1732 al 1837 e come tutte le regge europee, si ispirava alla reggia di Versailles, dato che le famiglie reali stavano abbandonando i castelli fortificati, per trasferirsi in palazzi eleganti. Il palazzo è detto “d’Inverno” perché divenne la residenza invernale, mentre l’estiva era Peterhof.  

Il palazzo d’Inverno è visitabile dal martedì alla domenica, il lunedì è chiuso. Il martedì, giovedì, venerdì, sabato e domenica è aperto dalle 10:30 alle 18:00, mentre il mercoledì dalle 10:30 alle 21:00. Il biglietto intero costa poco più di 5 euro.

Palazzo d'Inverno a San Pietroburgo in Russia

4  Cattedrale di Kazan di San Pietroburgo

Non dimenticate di visitare la Cattedrale di Kazan in San Pietroburgo, durante il vostro viaggio in Russia, perché è uno dei monumenti più importanti di San Pietroburgo. Questa chiesa è dedicata alla Madonna Nostra Signora di Kazan che è l’icona più venerata della Russia. La storia che accompagna il ritrovamento dell’icona è molto suggestiva: si racconta che la madonna apparve per due volte a una ragazzina di 9 anni, alla quale annunciò di recuperare la sua icona sepolta sotto le macerie di una casa bruciata, ma la piccola non venne creduta da nessuno. La terza volta che apparve, la Madonna  le ordinò di annunciare quanto diceva, altrimenti una calamità si sarebbe abbattuta su di loro. Ma il clero continuava ad essere scettico così la ragazzina scavò da sola e ritrovò l’icona. Da quel momento molti “miracoli” politici vennero attribuiti a questa Madonna. 

Ciò che stupisce della chiesa di Kazan è proprio il suo esterno, che ricorda un tempio romano con un colonnato circolare, infatti sembra essere ispirata a San Pietro di Roma. Oggi è la sede del vescovo ortodosso. Si può visitare la Cattedrale di San Pietroburgo gratis.

Cattedrale di Kazan, tra i monumenti importanti di San Pietroburgo

5 Chiesa del Salvatore sul Sangue Versato

Continuando la nostra mappa di monumenti di San Pietroburgo da visitare e da non perdere, non può mancare la Chiesa del Salvatore sul Sangue Versato. Questa chiesa si erge nel luogo esatto dove venne compiuto l’attentato allo Zar Alessandro II, ferito a morte. E questo edificio è dedicato proprio a questo egregio e tanto amato sovrano. In assoluto tra le 10 cose da vedere a San Pietroburgo, questa chiesa rispecchia in pieno lo stile russo: con cupole a cipolla colorate, struttura mastodontica, interni ricoperti di marmi e di mosaici e tutto molto sfarzoso. La costruzione venne iniziata nel 1883 e terminò nel 1907. La chiesa apre dalle 10:00 alle 18:00 tutti i giorni tranne il mercoledì. Nei mesi estivi la chiusura si prolunga fino alle 22:30. Il costo del biglietto si aggira intorno agli 8 euro.

Chiesa del Salvatore sul Sangue versato a San Pietroburgo

6 Cattedrale di Sant’isacco

La Cattedrale di Sant’Isacco è senza dubbio un monumento da vedere a San Pietroburgo. Non la si può confondere con le altre chiese, perché questa è caratterizzata da una enorme cupola d’oro, formata da 100 chili di fogli d’oro dalla quale per la sua altezza di 111 metri è possibile godere di un panorama su Pietroburgo davvero unico. Questa chiesa venne voluta da Alessandro I ma modificata da Nicola I dopo la morte del fratello, il quale aggiunse dettagli fin troppo sfarzosi. Oltre all’esterno così curato nel dettaglio anche gli interni attirano molto turisti per la loro bellezza: marmi pregiati, mosaici e colonne di malachite e lazurite che sono due minerali dal colore verde e blu. In assoluto questo monumento è da aggiungere alla lista di “cosa visitare a San Pietroburgo”. 

La Cattedrale di San Pietroburgo è aperta tutti i giorni tranne il mercoledì, dalle 11:00 alle 18:00. Il biglietto di aggira intorno ai 5 euro.

Cattedrale di San Pietroburgo

7 Fortezza dei SS. Pietro e Paolo

Tra le cose da vedere a San pietroburgo non può mancare la Fortezza dei SS Pietro e Paolo. Venne progettata da Pietro II il Grande sull’isoletta del delta della Neva, con l’obiettivo di difendersi dai possibili attacchi nemici dei svedesi. Ma in realtà non venne utilizzata con scopi difensivi mai, ma da subito adibita come prigione, almeno fino al 1917. In questa cittadella circondata da mura, vi sono diversi altri edifici che vale la pena descrivere. La Cattedrale di Pietro e Paolo costruita in stile barocco, in cui vi trovano le tombe della dinastia dei Romanov. Accanto alla chiesa vi è il Museo di Storia di San Pietroburgo, dove si ripercorre la storia della città dal medioevo fino agli anni contemporanei. Inoltre su questa isoletta si trova la Zecca, la Torre Campanaria con la sua guglia dorata, il Bastione Trubetskoy, che sarebbe la prigione e infine vi è una spiaggia fluviale molto frequentata in estate. 

La Cattedrale è visitabile dal  lunedì al venerdì dalle 10:00 alle 19:00, il sabato dalle 10:00 alle 17:00 e la domenica dalle 11:00 alle 19:00. La Fortezza è aperta tutti i giorni dalle 6:00 alle 21:00 e anche il Carcere è visitabile tutti i giorni dalle 10:00 alle 19:00. Il costo del biglietto per visitare i tre monumenti si aggira intorno ai 4 euro.

La Fortezza dei santi Pietro e Paolo è tra le 10 cose da vedere a San Pietroburgo

8 Museo Russo

Tra i musei di San Pietroburgo non può mancare il Museo Russo. Non sarà prestigioso quanto l’Ermitage, ma è comunque importante. Questo complesso museale si articola in due edifici che sono il Palazzo Mikhailovsky e l’Ala Benoit. In questo museo sono conservate opere che coprono un arco temporale che va dal X al XXI. Le opere che vi si trovano all’interno appartengono a importanti artisti dell’Avanguardia ma anche a quelli dell’Accademia d’Arte a San Pietroburgo e inoltre in alcune sale sono contenute oltre 6000 icone dell’arte russa. 

Il Museo è aperto dal lunedì alla domenica, tranne il martedì che è giorno di chiusura. Gli orari sono dalle 10:00 alle 18:00, solo il giovedì dalle 13:00 alle 21:00. Il costo del biglietto si aggira intorno agli 8 euro.

I musei più impotanti di San Pietroburgo

9 Giardino e Palazzo d’Estate di San Pietroburgo

Se vi state chiedendo cosa visitare a San Pietroburgo, vi consigliamo di concedervi una passeggiata nel Giardino e Palazzo d’Estate a San Pietroburgo. Il giardino si estende per quasi 12 ettari ed è anche quello più bello e antico della città. Invece il Palazzo fu il primo edificio ad essere stato costruito in città per volere di Pietro il Grande tra il 1704 e il 1714. 

Il Giardino è aperto dalle 10:00 alle 22:00 e l’ingresso è gratuito. Mentre il biglietto per il Palazzo si aggira attorno ai 9 euro e gli orari sono dalle 12:00 alle 19:00.

Giardino e Palazzo d'Estate a San Pietroburgo

10 Prospettiva Nevskij

Completate la vostra lista di “cosa visitare a San Pietroburgo” la famosa Nevskij Prospekt, che si estende per circa 4 chilometri. Questa è famosissima anche perchè è il centro vivo della città ma anche principale strada per lo shopping. Molti personaggi, artisti e letterati russi hanno vissuto in questa strada e molti loro scritti famosi sono stati ambientati qui. Lungo questa strada vi si trovano palazzi ed edifici famosi, come il Palazzo della Singer, marca delle famose macchine da cucire. Ma questa strade la si apprezza in particolare perchè è un bellissimo tripudio alla stravagante Art Nouveau e Art Decò.

La Prospettiva di Nevskij tra i luoghi di interesse di San Pietroburgo

Mangiare a San Pietroburgo

Non si può dire di aver visitato davvero un luogo se non si è assaggiato almeno qualche piatto della cucina tradizionale. Per questo motivo vi elenchiamo alcuni piatti che dovreste mangiare a San Pietroburgo:

  • Sirniki: frittelle con impasto di uovo, ricotta e un pizzico di farina, fritte nell’olio oppure cotte al forno per una versione più light. Un piatto gustato dai russi a colazione
  • Blini: un impasto di uovo, acqua e farina, che si avvicinano come forma e consistenza alle crepes francesi e servite con qualsiasi cosa dalla frutta al formaggio e salumi
  • Borsch: una classica zuppa fatta con le barbabietole e aggiunta di altre verdure come carote, funghi, cavolo, cipolle, patate e carne
  • Solyanka: una zuppa tipica russa, che può essere preparata a base di pesce, carne e funghi
  • Okroshka: una zuppa fredda fatta di un mix di verdure crude e cotte, con uova, manzo o vitello, salsicce, prosciutto e Kvas, una bevanda alcolica ottenuta dal pane di segale.

Okroshka, piatto da mangiare a San Pietroburgo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.