Canarie: Lobos e il meraviglioso arcipelago Chinijo

La Graciosa, Montaña Clara, Roque del Oeste e Roque del Este, Alegranza e Lobos sono delle meravigliose isolette canarie situate nella parte più occidentale dell’arcipelago. Poco conosciute e poco frequentate dai turisti, sono un piccolo pezzo di paradiso in terra che merita davvero di essere visitato.

Esclusa Lobos, che si trova più vicina alla grande isola di Fuerteventura, questo minuscolo gruppetto di isolotti a nord di Lanzarote viene chiamato arcipelago Chinijo. Il nome nella lingua locale canaria significa appunto “piccolo”, in ragione delle ridotte dimensioni di questo mini-arcipelago, grande complessivamente poco più di 19mila ettari. Ciò nonostante, è il parco marino più grande d’Europa e include la magnifica Riserva naturale integrale de los Islotes e il Parco naturale dell’Arcipelago Chinijo.

Andiamo quindi a scoprire più nel dettaglio questi magnifici tesori naturali.

Graziosa

La Graciosa

La Graciosa è l’unica isola abitata del piccolo arcipelago Chinijo. Separata da Lanzarote da El Río, una meravigliosa striscia di mare, conta poco più di 600 abitanti distribuiti in poco meno di 30 km². L’unica cittadina è La Caleta del Sebo, dove oltre a ristoranti, negozi e piccoli alberghi si trova anche l’unico porto dell’isola. Casas de Pedro Barba è invece un centro residenziale e turistico dove si trovano prevalentemente case private. Una delle spiagge più belle dell’isola è indubbiamente Playa de las Conchas, raggiungibile attraverso strade sterrate. A la Graciosa non ci sono infatti strade asfaltate e questo ha contribuito a preservare nel tempo la bellezza selvaggia del luogo. L’entroterra è prevalentemente desertico, sia in ragione dell’origine vulcanica che della scarsità di piogge che caratterizza il clima dell’isola. Il punto più alto, oltre 250 metri, è il picco de Las Agujas di origine vulcanica, come tutto l’arcipelago canario.

Alegranza

Alegranza è l’isola più a nord dell’arcipelago Chinijo. Disabitata e proprietà privata della famiglia Jordàn, si estende solo per 10 km². Grazie alla grande ricchezza di pesce nelle sue acque, sull’isola vivono moltissime specie di uccelli, alcune delle quali estremamente rare come il falco pescatore dell’arcipelago delle Canarie. A Punta Delgada, nella parte ovest dell’isola, si trova un faro dichiarato bene di interesse culturale.

Lobos

Isla de Lobos

La piccola isola di Lobos, grande solo 4,5 km², si trova a sud di Lanzarote e a nord di Fuerteventura da cui è separata solo dallo Estrecho de la Bocaina, un piccolo braccio di mare poco profondo. Deve il nome ai molti leoni marini – detti lupi – che un tempo la abitavano e che oggi si sta tentando di riportare sull’isola. Il Parque Natural de las Dunas de Corralejo e Isla de Lobos di cui fa parte ospita infatti, oltre a molte specie vegetali, molti animali rari soprattutto volatili. Fino alla fine degli anni ’60, sull’isola vivevano il guardiano del faro e la sua famiglia, ma da quando il faro venne restaurato e automatizzato, l’isola è rimasta disabitata. Ciò nonostante, sull’isola si trova un ristorante e un’area camping, per rispondere alle esigenze dei turisti che lentamente stanno scoprendo questo piccolo paradiso, anche grazie all’ottimo servizio di trasporto marittimo attivo tutto l’anno che collega Lobos e Fuerteventura.

Avatar

Simone Sarchi

Classe 1989, giornalista, laureato alla City University London in International Journalism e viaggiatore incallito. Grazie alle mie esperienze studentesche e lavorative ho avuto diverse possibilità di girare in Europa, Africa e Medio Oriente. Amo entrare a contatto con nuovi luoghi, conoscere persone e culture diverse. Una passione che non mi abbandonerà mai. Sogno nel cassetto? Esplorare l'Asia, l'Indocina, luoghi affascinanti per paesaggi e tradizioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.