Isola d’Elba una vacanza tra storia e spiagge paradisiache

L’Isola d’Elba è un’isola dell’Arcipelago Toscano, la terza più grande d’Italia e dista solo 10 chilometri dalle coste della Toscana. L’isola d’Elba ha una storia millenaria, era già abitata durante il Paleolitico come testimoniano alcuni ritrovamenti archeologici, nei secoli sono stati molti i popoli che qui hanno deciso di stanziarsi. Il patrimonio culturale dell’isola insieme alla bellezza del suo mare, delle sue spiagge e alla rigogliosa natura che la abita rendono quest’isola un’ottima meta per le vacanze; la sua ricchezza permette di accontentare ogni tipo di turista sia tu in cerca di storia e monumenti da visitare, di una vacanza su spiagge paradisiache o abbia voglia di avventure in un territorio naturalistico puro e a tratti incontaminato. Andiamo, quindi, alla scoperta le numerose cose da vedere e da fare sull’isola.

Portoferraio

Portoferraio sull'isola d'Elba visto dal mare

È in genere il primo luogo che si visita dell’isola quello dove si arriva a bordo dei traghetti che collegano la costa toscana con quest’isola, e sin da subito si intuisce tutta la bellezza di questo luogo. Portoferraio venne eletto quale capoluogo dell’isola dai tempi di Napoleone Bonaparte, fu proprio qui che Napoleone di stanziò durante il suo esilio e in questa zona costruì le sue residenze. Portoferraio deve il suo nome alle miniere di ferro della zona che nell’800 fecero la fortuna dell’isola, proprio in quegli anni l’isola ebbe il suo periodo di massimo splendore. Sono molte le attrazioni da visitare in questa parte dell’isola:

Terme San Giovanni

Tra le altre cose l’isola d’Elba è anche una rinomata località termale, e proprio qui si trovano le famose terme San Giovanni di Portoferraio. La struttura aperta dal 1963 ha saputo rinnovarsi negli anni, affiancando alle note cure sanitarie anche una zona ricreativa molto piacevole dove concedersi massaggi e piacevoli immersioni in piscine esterne all’insegna del relax. Luogo ideale per concedersi qualche momento di pausa tra una visita e l’altra.

Le ville di Napoleone

Napoleone trascorse su quest’isola i suoi anni d’esilio fino alla sua morte avvenuta nel 1821. Durante la sua permanenza, nella zona di Portoferraio si fece costruire due residenze: San Martino  e Villa dei Mulini.

Villa San Martino ad Elba residenza di Napoleone. Fonte wikipedia
Villa San Martino

La Villa di San Martino, era quella destinata alla vita privata e pur essendo una villa di dimensioni ridotte non mancano tutte le comodità possibili. La struttura ha una semplice pianta quadrata, al primo piano, destinato alla vita sociale, Napoleone fece costruire una biblioteca. Villa dei Mulini era invece destinata agli incontri formali ed è ubicata nella zona più alta del centro storico di Portoferraio.

Museo civico archeologico

Come già detto quest’isola vanta una lunghissima storia. Questo Museo aperto nel 1988, racconta e conserva le testimonianze dei molti popoli che l’hanno abitata, dagli Etruschi ai Romani,  qui sono conservati reperti provenienti da tutto l’arcipelago toscano, tra i ritrovamenti ci sono anfore, vasi, armi, sono molte anche le testimonianze degli intensi scambi con l’isola d’Ischia. Il museo è ubicato nella Fortezza Medicea della Linguella.

Capoliveri

Panorama del comune di Capoliveri sull'isola d'Elba

Altro comune dell’isola, arroccato sulla cima di una collina a 170 metri sul livello del mare, originariamente era un borgo minerario che per la sua bellezza può essere incluso tra i borghi da vedere in Toscana. Capoliveri è un paese dal grande fascino, con un centro storico con molte cose da visitare come:

  • Chiesa di Santa Maria Assunta, di origine romanica
  • Santuario della Madonna delle Grazie
  • Pieve di San Michele, del XII secolo, in stile romanico
  • La zona del Borgo medievale fortificato, con piccoli vicoli con archi, sottopassi e scalette che si trovano attorno alla piazza centrale in collina

Capoliveri è una zona particolarmente amata dai vip e dalle persone dello spettacolo che la scelgono non solo per le vacanze estive ma anche durante l’anno per una pausa in pieno relax. La zona è particolarmente frequentata di sera, soprattutto in estate, e per questo può essere definita come cuore della movida dell’isola. Tra le iniziative più conosciuti c’è la “Festa del pesce povero” un evento enogastronomico che richiama molte persone. Fino al 1906 Capoliveri era parte integrante dell’attuale comune di Porto azzurro, anche questa zona è molto movimentata durante il periodo estivo, a Piazza Matteotti, centro della vita cittadina della zona, sono numerosi gli spettacoli e gli eventi culturali e musicali organizzati durante tutto il periodo estivo.

Le spiagge dell’isola d’Elba

L’isola è famosa per il suo mare cristallino e per le sue spiagge dorate. Le spiagge dell’isola dell’Elba sono 150, tutte con aspetti unici, sceglierne solo alcune è davvero un’impresa ardua. Tra i comuni che presentano un elevato numero di spiagge, va annoverato Capoliveri che con il suo mare cristallino e i suoi ricchi fondali è il comune con il maggior numero di spiagge. Ma vediamo quali sono le spiagge più belle dell’isola:

Lido di Capoliveri, non solo quella più scelta ma anche la più attrezzata della zona. Una spiaggia di sabbia fine e dorata, nelle giornate limpide è possibile anche vedere l’isola di Montecristo.

Spiaggia di Cavoli a Campo è tra le spiagge più conosciute dell’Isola, ideale per i giovani e per tutti quelli in cerca di divertimento, lunga circa 350 metri è divisa in due zone da una breve scogliera: la zona più piccola ad ovest è più tranquilla e libera, mentre la zona ad est della scogliera è ricca di strutture balneari.

La cala dell’innamorata, tra le più belle spiagge dell’isola d’Elba, la vicinanza alla miniera rende la spiaggia ricca di piccoli sassolini e sabbia che si colora di sfumature rocciose, il tutto viene poi arricchito da un mare cristallino e da un fondale ricco di fauna marina. Il nome fa invece riferimento alla triste storia d’amore di due giovani: Marie e Lorenzo, Maria disparata per la morte di Lorenzo che fu prigioniero e ucciso dai soldati di Barbarossa si gettò in mare scomparendo tra gli scogli.

Spiaggia di Sansone è tra le più selvagge e amate tra le spiagge bianche. Si può descrivere come un piccolo angolo di paradiso poco distante da Portoferraio.

Spiaggia di Biodola tra le più famose dell’isola d’Elba, la spiaggia si trova in una delle baie più esclusive, al centro di un mix unico tra mare, spiaggia e natura. Il suo mare cristallino e la sua spiaggia dorata sono incorniciati da una collina ricoperta di macchia mediterranea. In estate è molto frequentata, oltre che per la sua bellezza, anche per la sua grande accessibilità e per i suoi molti servizi che la rendono ideale per famiglia con bambini.

Spiaggia nera di Acquarilli  è la spiaggia più selvaggi dell’isola, composta da ciottoli neri e resa ancora più suggestiva dalla sua scogliera a picco sul mare. Grazie alla colore scuro dei sassolini che la caratterizzano l’acqua di questa spiaggia nera sembra ancora più cristallino e trasparente.  

La spiaggia di Sant’Andrea a Marciana è una piccola spiaggia nella parte nord-ovest dell’isola caratterizzata da sabbia fine e di scogli di granito.

Tra le altre spiagge che meritano una vista ci sono anche:

  • Spiaggia di lacona la seconda spiaggia più lunga dell’isola,  
  • La Fetovaia, lunga solo 200 metri
  • Spiaggia di Barbarossa, la spiaggia più grande di Porto Azzurro
  • Spiaggia di Reale
  • Fetovaia una delle spiagge più suggestive, con sabbia bianca inserita in un fantastico contesto naturale.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *